Lega Puglia per una Legge di Bilancio che rilanci l’intera Regione

15

davide bellomo

Bellomo: “Basta campanilismi, bisogna ragionare per il bene comune di tutti i pugliesi”

BARI – Il Capogruppo Lega Puglia in Regione, Davide Bellomo, ha presentato in Consiglio una serie di interrogazioni all’Assessore al Bilancio, Raffaele Piemontese, evidenziando numerose contraddizioni nel piano previsionale della Legge di Bilancio 2022.

La sensazione” afferma Bellomo rivolgendosi direttamente all’Ass. Piemontese “è che questo bilancio sia stato redatto come se non fossimo in emergenza Covid e come se il PNRR non ci avesse fornito indicazioni preziose riguardo al futuro che ancora ci attende. Indicazioni, accompagnate da ingenti finanziamenti, che ci prospettano una transizione a un’economia sempre più green; lo dimostra lo stanziamento governativo di 40 milioni di euro per l’acquisto di autobus a idrogeno, soldi che puntualmente non riusciremo ad acquisire come Regione Puglia, a causa dell’assenza di impianti per la produzione di idrogeno. A questo serve un piano previsionale, a pensare cioè di pianificare una strategia di impiantistica per poter intercettare finanziamenti che ad oggi non sono alla nostra portata, e che inevitabilmente saranno dirottati alle Regioni del nord“.

Restando in tema di trasporti, Bellomo incalza: “Nel PNRR sono stati inseriti una serie di vantaggi e risorse ad appannaggio delle Regioni dotate di risorse tecnologiche e orientate ad una reale transizione ecologica; anche in questo caso, non avendo un piano comune di insieme, saremo nuovamente in ritardo, non riuscendo quindi ad accedere a risorse per noi indispensabili, al fine di far ripartire nel 2022 la nostra Regione con forza e dinamismo“.

Bellomo poi porta all’attenzione dell’Aula un bizzarro primato della Regione Puglia, in controtendenza a quanto espressamente indicato dalle linee guida nazionali: “La nostra Regione vanta, si fa per dire, un numero esorbitante di Agenzie e Fondazioni che continuano a nascere; mi sarei aspettato di vederle inserite in questa legge di bilancio, quantomeno un riferimento ai nuovi asset che si dovevano ritenere strategici per il futuro. Mi riferisco all’Agenzia Zero e all’Agenzia per la prevenzione, oltre poi all’istituzione di due nuovi Policlinici, realtà assenti nella previsione strategica del 2022“.

Altro punto importante portato alla luce in aula da Bellomo, l’annosa questione dei Consorzi di Bonifica e dell’ARIF, per nulla contemplati in bilancio: “Parliamo in questo caso di due enti complementari, con competenze distinte, che presentano buchi in bilancio puntualmente ripianati dalla Regione. Un costo enorme che si aggiunge ai numerosi sprechi da noi denunciati, ma che non appare mai tra le voci di bilancio“.

A conclusione del suo discorso, Bellomo rivolge una preghiera personale a tutti i colleghi presenti in aula consiliare: “Dobbiamo finirla di definirci impropriamente un’isola felice, la Lombardia del sud, quando i dati che lei stesso, assessore Piemontese ci ha presentato, fotografano una situazione di fragilità economica e sociale allarmante. Il reddito disponibile delle famiglie è sotto la media del Mezzogiorno d’Italia di ben 0,3 punti e sotto di 1 punto rispetto alla media italiana. Siamo la quartultima regione per quanto riguarda il reddito pro capite. L’auspicio” conclude Bellomo, “è che la finissimo di cercare di accaparrarsi quanto più possibile esclusivamente per i propri territori, per le proprie circoscrizioni, e cominciamo finalmente ad avere una visione d’insieme, di bene comune. In questo modo faremo il bene di tutti i cittadini pugliesi e riusciremo a portare in Puglia finanziamenti in grado di farci diventare davvero la locomotiva del sud“.