Lecce, Pug: minoranza abbandona Commissione

102

Martini: “La minoranza è ostile, ma non impediranno ai cittadini di avere il nuovo Piano Urbanistico”

severo martiniLECCE – “E’ evidente che l’opposizione vuole frenare ed evitare il PUG giunga al Consiglio” così l’assessore alla Pianificazione Territoriale e all’Urbanistica Severo Martini in seguito alla decisione, da parte dei consiglieri di minoranza, di abbandonare l’aula consiliare durante la discussone del PUG.
E’ con rammarico che mi trovo costretto a constatare che, se in un primo momento il confronto con la minoranza durante la commissione Urbanistica era costruttivo, oggi, che siamo vicini all’esame da parte del Consiglio Comunale, è ostile. L’intento – spiega l’assessore – è quello di impedire a Lecce e ai leccesi di poter usufruire del nuovo Piano Urbanistico Generale, nonostante la città lo attenda da circa 20 anni. Abbiamo inviato le tavole del PUG all’Autorità di Bacino e a breve ci darà il parere ufficiale che abbiamo motivo di credere sia positivo. E’ ovvio che questo il documento ufficiale relativo al P.A.I. arriverà prima che il Piano Urbanistico sia portato in Consiglio. Quindi non ha senso chiedere un’interpretazione legale per un problema non esiste”.

Snellire i tempi per mantenere un impegno preso con i cittadini ed arrivare al Consiglio con tutte le carte in regola, questo l’intento dell’assessorato.

I consiglieri di minoranza oggi hanno preferito abbandonare l’aula con la speranza di far venire meno il numero legale e boicottare la seduta – dichiara Martini – invece il numero è stato garantito ugualmente e si è potuto continuare la discussione sul PUG.

L’argomento odierno è stato quello relativo alle marine. Ecco le novità:

CAMBIAMENTO DESTINAZIONE D’USO IMMOBILI: si darà ai cittadini la possibilità di intraprendere nuove attività trasformando le destinazioni d’uso delle proprie abitazioni.

PARCHEGGI: si potranno realizzare dei parcheggi all’interno dei 300 metri dalla costa (e non nei 600 come è attualmente previsto). Sono previsti parcheggi semplici, zonali (più vicini ai lidi) e di scambio.

BOULEVARD: Torre Chianca, Frigole e San Cataldo, grazie all’individuazione di un grande parco costiero, saranno attraversate da un corridoio ecologico lungo la litoranea.

PERCORSI ECOLOGICI: sono stati pianificati all’interno delle marine e lungo i litorali, percorsi ciclabili e percorsi pedonali per venire incontro alle nuove esigenze dei cittadini.

PARCHI A VERDE: all’interno dei 300 metri dalla costa sarà possibile realizzare aree a verde attrezzato.

La riqualificazione delle marine leccesi è uno dei punti principe del nuovo strumento Urbanistico, l’obiettivo è quello di incoraggiare un altro tipo di turismo che non sia solo quello culturale, ma anche balneare.
Domani la commissione Urbanistica riprenderà i lavori per poter portare il nuovo Piano Urbanistico generale in Consiglio prima delle elezioni
La pianificazione del PUG – conclude Martini – prevede un lavoro di anni, come quello che abbiamo fatto con il gruppo di lavoro dell’Ufficio di Piano e con i consulenti scientifici. Non dare a questo PUG la possibilità di approdare in Consiglio, significa annullare il lavoro svolto in questi anni e ricominciare sprecando tempo, lavoro, nuove risorse umane ed economiche”.