Lecce, Migrants du monde: pubblicato il bando per la partecipazione

logo comune Lecce

I dettagli

LECCE – È stato pubblicato sul sito del Comune di Lecce l’avviso pubblico per partecipare al progetto Migrants du monde. Finanziato dalla Regione Puglia e dalla Fondazione Orient Occident, il progetto si svolgerà a Palazzo Turrisi e vedrà fianco a fianco tre donne leccesi e tre donne di origine straniera a scambiarsi, in un contesto di formazione e avviamento al lavoro, i segreti del ricamo e del cucito delle proprie tradizioni, per poi dare vita a un vero e proprio atelier creativo, sotto la guida di Isabelle Camard, stilista di progetto.

Le donne di origine straniera sono state selezionate tra quante, beneficiarie di progetti Sprar Arci, sono in possesso di abilità e formazione nel campo del ricamo e del cucito, le donne leccesi saranno individuate, di concerto tra la Fondazione e il Comune di Lecce, tramite l’avviso pubblico.

I requisiti necessari per partecipare alla selezione sono:

a.. età maggiore di 18 anni;
b.. residenza nel Comune di Lecce;
c.. predisposizione al lavoro di squadra con donne migranti ed allo scambio di esperienze con tradizioni e culture di altri Paesi;
d.. competenze in una o più tecniche tradizionali di lavorazione dei filati: ricamo, uncinetto, tombolo, chiacchierino.

La selezione delle risorse umane si svolgerà in tre fasi:

a.. un colloquio motivazionale;
b.. un’esercitazione pratica;
c.. una prova libera di espressione della creatività.
Per candidarsi occorre inviare via mail, con le modalità descritte nell’avviso, entro il 30 settembre 2018, all’indirizzo inforientoccident@gmail.com il modulo di domanda corredato da:

cv della candidata;
copia del documento d’identità in corso di validità;
documentazione fotografica di lavori realizzati.

Per lo svolgimento dei laboratori di formazione il Comune ha concesso l’utilizzo di due stanze al primo piano di Palazzo Turrisi. La Fondazione Orient Occident si farà carico delle spese accessorie inerenti le stanze utilizzate, delle spese di manutenzione ordinaria, utenze e consumi energetici da attivare o corrispondere direttamente secondo quanto previsto dal Regolamento comunale per l’uso da parte di terzi di beni immobili demaniali indisponibili e disponibili, oltre le spese per la copertura assicurativa ed eventuali altri oneri necessari per le attività da svolgere all’interno, nonché il pagamento dei tributi comunali. All’interno dei locali concessi temporaneamente per la realizzazione del progetto non sarà consentito svolgere alcun tipo di attività commerciale o di vendita di prodotti.