A Lecce la “fabbrica” del bosco

38

Nuovo appuntamento domenica 12 marzo, a partire dalle ore 10, alla scoperta delle meraviglie della natura

rauccioLECCE – Proseguono, le iniziative al Parco di Rauccio dove il Centro di Esperienza Fillirea, gestito dalla Cooperativa Terradimezzo, propone sin dall’inizio dell’anno, sempre nuove occasioni per accostare grandi e piccini ai temi ed ai valori dell’area protetta.
Il nuovo appuntamento è previsto per domenica 12 marzo, a partire dalle ore 10, nell’area preparco.
La natura, affascinante con i suoi tramonti, sorprendente per il volo di uno stormo di uccelli, inebriante con i suoi profumi e colori, non è soltanto un puro fatto estetico, anche se spesso è così che la percepiamo e la viviamo.
La natura è prima di tutto un grande laboratorio energetico, dove alberi, piante, cortecce, erbe, piume, sole, acqua, sono componenti essenziali di quell’unità funzionale fondamentale in ecologia che è definita ecosistema, dove l’insieme degli organismi viventi e delle sostanze non viventi partecipano incessantemente ad uno scambio perpetuo di materiali e di energia, dove ciascun ingrediente di questo insieme complesso svolge il proprio ruolo essenziale a testimoniare che la natura è viva, si muove, cresce, si ammala, è preda o predatrice.
Ma, cos’è l’energia? Tutto ciò che ci circonda è costituito da energia e, quindi, il nostro pianeta, il sistema solare a cui apparteniamo, sono composti da energia.
Osservare ed interpretare con occhi diversi, analitici e scientifici, una porzione di natura, un’area delimitata, come un prato, un lago o un bosco ci consente di registrare gli elementi, cogliere le relazioni, individuare le parti e le funzioni, uscire dall’indistinto scorcio panoramico per addentrarci nel grande e complesso laboratorio naturale: l’ecosistema.
Quello che domenica 12 marzo propone il Centro di Esperienza Fillirea del Parco Rauccio, è un percorso per approfondire le intricate relazioni trofiche ed energetiche della ‘Fabbrica Bosco’, per imparare a conoscere quest’ultimo come un “organismo vivo” in cui ogni più piccolo elemento si trasforma e consente la vita.

Info
Minimo 5 partecipanti, massimo 25/30. E’ prevista una quota di partecipazione in rapporto al numero dei partecipanti.