Lecce: controlli su motocicli, ciclomotori e biciclette

51

Controlli volti ad assicurare la sicurezza alla guida delle due ruote

controlli-due-ruote-lecceLECCE – Intensificata nel 2016 l’attività di controllonei confronti dei conducenti di veicoli a due ruote, con un’impennata del numero dei verbali elevati nei mesi estivi.
L’attenzione delle pattuglie si è concentrata sui documenti di circolazione e sul corretto utilizzo del casco protettivo, ma anche sulla condotta di guida dei velocipedi.
Nei primi nove mesi dell’anno sono state rilevate all’incirca 150 infrazioni.
Il numero più elevato di accertamenti, un centinaio, si riferisce alla contestazione dell’art. 193 del codice della strada, a carico di veicoli privi di copertura assicurativa, sottoposti per questo anche al sequestro ai fini della confisca.In un caso addirittura il trasgressore aveva utilizzato la targa di un motociclo su un ciclomotore.
Una quindicina, invece, i verbalielevati ai sensi dell’art. 171, perché i conducenti indossavano caschi oramai privi dei requisiti diomologazione, caschi non allacciati o caschi con l’omologazione D.G.M., per intenderci i cosiddetti caschi a padella o a scodella, non più utilizzabili dal 12 ottobre 2010. La sanzione accessoria prevista dal codice,in questi casi, è il fermo amministrativo del veicolo per 60 giorni.
Quasi trenta, infine, i verbali contestati, soprattutto nelle ultime settimane, a ciclisti.
In tanti, infatti, sono stati sorpresi per le strade cittadine a circolare contromano, sul marciapiede o mentre parlavano al cellulare senza auricolare.
“La nostra attività – ha commentato il Comandante Donato Zacheo–ha lo scopo di elevare il livello di sicurezza delle nostre strade. Non ultimo questa mattina la pattuglia del pronto intervento ha rilevato un sinistro stradale, che ha visto coinvolti un furgone ed un ciclista che viaggiava contromano, finito in Ospedale con una profonda ferita alla testa. Proprio per evitare ciò vigiliamo sulrispetto delle norme del codice della stradada parte di tutti: automobilisti, ciclisti, pedoni.”