Le richieste degli infermieri di Bari BAT e Brindisi sull’emergenza COVID-19

21

comune di Barletta Andria Trani logo

“Necessario eseguire i tamponi a tutto il personale sanitario”

BARLETTA – “E’ necessario eseguire i tamponi al fine di individuare, in maniera precoce, gli infermieri e gli altri operatori sanitari positivi al COVID-19 ed evitare che, se infettati, possano diffondere il virus soprattutto ai soggetti più fragili“.

La richiesta, perentoria, inviata tra gli altri ai D.G. delle ASL pugliesi e al Direttore del Dipartimento salute della Regione Puglia, Vito Montanaro, è firmata dai presidenti di tre Ordini professionali degli infermieri (Bari, BAT e Brindisi). In una lettera (allegata), a firma dei presidenti Saverio ANDREULA, Giuseppe PAPAGNI e Antonio SCARPA, si sottolinea come, in questo momento di emergenza, sia necessaria “l’adozione dei protocolli di sicurezza anti – contagio.

L’assistenza infermieristica – spiegano i tre presidenti – può avvenire solo in presenza di condizioni che assicurino, alle persone che lavorano, adeguati livelli di protezione“.

Per questo, a giudizio dei tre presidenti degli Enti Pubblici, in questo momento è quasi obbligatorio “soddisfare la richiesta del personale sanitario a sottoporsi ad indagini diagnostiche specifiche inerenti il COVID-19”.

L’esecuzione del tampone, si ribadisce, è priorità per tutti i lavoratori della sanità. “La problematica dei tamponi – scrivono i tre presidenti – è, per noi professionisti della sanità, irrinunciabile. Gli operatori sanitari sono notevolmente esposti al contagio, sempre più spesso si ammalano per la mancanza dei dispositivi sanitari di sicurezza e, per il ‘contatto stretto’ con pazienti che possono risultati positivi, rischiano a loro volta di diffondere il virus negli ospedali“.

Gli infermieri, i medici e gli operatori sanitari sono in prima linea in questa emergenza, ricordano Andreula, Papagni e Scarpa: “Per questo dobbiamo tutelarli e supportarli nel più breve tempo possibile“.

Gli Infermieri pugliesi non si sottrarranno ai loro impegni professionali, concludono i tre presidenti, “ma pretendono di essere tutelati e, di conseguenza, invitano e diffidano i loro datori di lavoro in ogni ambito di attività a rispettare le disposizioni di legge“. Predisposto un modulo per chiedere di essere sottoposti al Tampone.