L’appello di Teatri di Bari per il sistema culturale danneggiato dal coronavirus

21

conferenza stampa kismet

Sabato 14 marzo arriva la ‘chiamata al teatro’

BARI – Resistere, Resistere, Resistere!: in un sistema economico in grave difficoltà, il Consorzio Tric – Teatri di Bari, lancia un appello a enti e imprese affinché sostengano la nostra realtà messa a dura prova dall’emergenza Coronavirus. Sono più di 50, ad oggi, gli spettacoli annullati, sia in tournée che nei nostri teatri (Kismet di Bari, Radar di Monopoli e Cittadella degli Artisti di Molfetta), a causa delle disposizioni del Governo per contenere la diffusione del virus, in ultimo le disposizioni del DPCM del 4 marzo 2020, in particolare quelle relative agli accessi in luoghi che comportano “l’affollamento di persone tale da non consentire il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro“.

Il teatro si sostiene grazie al suo pubblico, ecco perché il Tric – Teatri di Bari chiede aiuto attraverso l’unico mezzo con cui si è sostenuto sin dalla sua nascita: una ‘chiamata al teatro’. Sabato 14 marzo sarà così organizzata una speciale serata con la messa in scena dello spettacolo Gilgameš – racconto in musica al Kismet. Pièce aperta a coloro che avranno sostenuto la causa di Teatri di Bari.

I posti saranno assegnati, infatti, a privati cittadini ed enti che entro il 14 marzo avranno fatto donazioni più importanti attraverso gli strumenti messi a disposizione dalla legge, come l’Art Bonus* e/o l’acquisto di biglietti o abbonamenti per le Stagioni di prosa 2019-2020 e 2020-2021 nei teatri Kismet, Radar e Cittadella degli Artisti.

La scelta dello spettacolo ‘Gilgameš – racconto in musica’ – produzione Teatri di Bari / Kismet di Teresa Ludovico con i maestri Cesare Pastanella e Michele Jamil Marzella – non è casuale: si tratta di un ‘inno all’arte’, dove il messaggio tramandato è che l’arte è l’unica forma di immortalità concessa all’uomo, come scoprirà il protagonista al termine del suo viaggio.

Durante l’incontro non sono mancate anche idee innovative per superare l’empasse che sta vivendo lo spettacolo al tempo dell’emergenza Coronavirus. Tra le centinaia di persone che hanno seguito l’evento al Kismet attraverso la diretta social delle pagine ‘Teatri di Bari’ e ‘Radio RKO’, c’era anche la giornalista Concita De Gregorio – già protagonista di una lezione da sold-out al teatro Kismet nelle scorse settimane – che, intervenuta in diretta telefonica, ha raccontato il suo progetto di Streaming Theater. Si tratta un’iniziativa sviluppata con la London School of Economics che permette di sostenere economicamente anche i piccoli teatri attraverso una diretta streaming.

Il presidente di Teatri di Bari, Augusto Masiello ha dichiarato che, come il common rail per il diesel è stato inventato a Bari, allo stesso modo sarebbe felice di poter far partire dal capoluogo pugliese una sperimentazione che potrebbe poi sostenere ovunque nel mondo il teatro in tempo di crisi.

Mariella Pappalepore, presidente di Planetek, intervenuta in qualità di abbonata del teatro, ha auspicato la nascita di un Gruppo o Fondazione che possa affiancare e sostenere economicamente il Tric, divenuto ormai patrimonio del nostro territorio. Un piccolo segnale da dare per sostenere la cultura, non solo teatrale, e di riflesso l’intera economia.

In questo viene in aiuto anche la tecnologia: la Pappalepore per Planetek e Vito Manzari, presidente di Sud Sistemi, sono stati i primi due imprenditori a donare più di 10mila euro a Teatri di Bari attraverso il cellulare con lo strumento dell’Art Bonus.

*ART BONUS per ogni euro donato si ricevono 65 centesimi come credito di imposta