La Polisportiva Paralimpica Elos di Bitonto dà il via alla nuova stagione sportiva

polisportiva elos 2019

I dettagli

BITONTO (BA) – “Con il termine disabilità ci si riferisce alle differenti modalità funzionali dell’interazione tra un individuo con un problema di salute ed i fattori contestuali (ambientali e personali), riguardando il rapporto tra la persona e il suo ambiente di riferimento. […] L’inclusione scolastica e sociale delle persone con disabilità è un processo ancora in corso, con persistenti barriere culturali da superare, e rappresenta un tema di primaria importanza nello sviluppo di politiche sociali”.

È quanto espresso nelle Linee di Indirizzo sull’attività fisica divulgate dal Ministero della Salute, approvate il 7 marzo 2019.

Comunicare e interagire con il proprio contesto attraverso attività motorie e sportive contribuisce in modo significativo ad assicurare un miglioramento della qualità della vita, soprattutto per quanto concerne le persone con disabilità. Un primo passo a favore dell’inclusione, soprattutto in territori dove è ancora fortemente presente un gap tra le diverse realtà sociali, è l’interconnessione sinergica in rete delle realtà che insistono in quel determinato luogo.Incoraggiare la pratica di attività sportive e la partecipazione a giochi di squadra è il lavoro primario che può essere messo in atto da realtà del terzo settore, al fine di favorire l’inserimento sociale e l’apprendimento delle regole di vita fondamentali nella comunità.

Sono, questi, importanti sviluppi nell’ottica di una politica sociale integrata promossi dal Ministero della Salute. Il contributo messo in atto da Enti del terzo settore e associazioni che, a livello locale, promuovono da anni un’ottica dello sport per tutti viene, ad oggi, percepito come necessario. Ed è proprio in questa direzione che si orientano da diverso tempo gli interventi messi in atto dalla Polisportiva Paralimpica Elos “Michele Cioce” di Bitonto, riconosciuta dal CIP (Comitato Italiano Paralimpico) quale Centro di Avviamento allo Sport Paralimpico.

Un impegno continuativo e costante quello dell’associazione, fortemente voluto dal Presidente Franco Bonasia, dal Direttore Tecnico Vito Sasanellie dall’intero staff di professionisti che opera al suo interno che, in vista del nuovo anno di attività motorie e sportive, hanno provveduto a consolidare l’intesa ormai collaudata con l’ASL Bari CSM Area 3: «Lo sport paralimpico nel nostro territorio va valorizzato e la nostra intenzione è quella di continuare a dedicarci, in rete, per perseguire quest’obiettivo», ha dichiarato Fabrizio Cramarossa, Dirigente Psichiatra della sezione.

E per garantire l’effettivo accesso all’esperienza sportiva a chiunque, la Polisportiva si avvale della costante e rodata collaborazione con Federazioni, istituzioni scolastiche, realtà associative, enti del terzo settore e realtà sportive territoriali (ASD e C “Laureati In Movimento, ASD Virtus, ASD Volley, ASD Karate Club, ASD La Perla, ASD Gymnica Sport, USD Olimpia, ASD New Rugby) che intervengono con tecnici e atleti, seguendo un planning e una progettualità condivisi in un percorso inclusivo teso alla valorizzazione delle capacità dell’individuo nella sua integrità e alla sensibilizzazione dell’ambiente esterno.

È stato con la terza edizione del progetto itinerante “Emozioni in… Gioco”, patrocinata dal Comune di Bitonto e dal C.I.P. Puglia e svoltasi a Barletta dal 26 al 30 agosto scorsi, che si è concluso un anno ricco di esperienze positive per i ragazzi della Polisportiva Elos. Il progetto si è configurato essere un trait d’union tra la stagione passata e quella in avvio, solido anello di continuità in fieri: «Queste giornate estive non solo chiosano un intero anno di attività, ma danno il via alle progettualità che si articoleranno per tutto il prossimo anno: fin da settembre, infatti, ci ritroveremo per tre volte alla settimana per dare inizio alle attività sportive previste dal Centro di Avviamento allo Sport Paralimpico», ha affermato il DT Sasanelli, durante la cerimonia di chiusura della manifestazione.

E, infatti, gli allenamenti previsti nel percorso multidisciplinare gratuito del CASP hanno già preso il via, per tre volte a settimana, grazie alla disponibilità degli spazi del Palazzetto dello Sport “San Pio” di Enziteto, della tensostruttura “Paolo Borsellino” sita via del Petto e della scuola media “Rutigliano” di Bitonto.

Non è mancato, inoltre, un primo momento di confronto e condivisione sul campo: lo scorso 13 settembre, i ragazzi della Polisportiva Elos hanno preso parte alla prima edizione del Meeting Interregionale di Atletica Leggera “AllenaMenti” 2019 a Molfetta, che ha visto partecipare giovani tesserati FIDAL e atleti paralimpici FISDIR, sfidatisi in diverse discipline in un torneo esagonale. Un incontro vissuto dagli atleti paralimpici dell’associazione bitontina con impegno ed entusiasmo, che ha portato ad aggiudicarsi medaglie e a conquistare soddisfazioni. Il desiderio di vincere, la voglia di mettersi in gioco, la forza e la convinzione del gruppo Elos ha portato gli atleti a salire, fin dagli inizi della stagione, su un podio dal valore simbolico prima ancora che materale, esempio reale degli obiettivi di crescita e sviluppo per cui il team della Polisportiva lavora con impegno e dedizione.

Un anno sportivo, quello 2019/2020, che si preannuncia ricco di sfide e coinvolgimento. Non mancherà l’apporto dell’associazione a numerosi progetti in avvio sul territorio, a livello comunale e regionale, nonché la partecipazione a Campionati Regionali e Nazionali in cui gli atleti, con qualsiasi forma di disabilità, potranno avere modo di mettere in pratica le proprie abilità, costantemente seguiti da un’équipe multiforme di professionisti.

In un processo di continua espansione e radicamento nel territorio, la Polisportiva Elos contribuirà anche per quest’anno a generare per la comunità e per i propri atleti momenti di intensa formazione, a livello sportivo e umano e a potersi confrontare in contesti esterni all’ambito locale, innestando momenti di arricchimento reciproco e condiviso.