La chef barese Fabiana Quadrelli in cucina per beneficenza

3

chef fabiana quadrelli

BARI – Giovedì 2 dicembre, nella splendida cornice di Borgo Ducale, a due passi da Brindisi (uscita Tuturano/Cerano della superstrada Brindisi-Lecce) si terrà una serata conviviale dal titolo «Batti un colpo: tre Chef in cucina per beneficenza». L’obiettivo è quello di raccogliere fondi per acquistare un defibrillatore da donare alla città (dopo i due già donati e installati nei pressi dei giardinetti del porto, in Piazza Vittorio Emanuele II, e nella farmacia Corso Roma).

A deliziare i palati di quanti vorranno aderire (informazioni al 360.830483) saranno tre chef conosciutissimi e di rilievo nel mondo della ristorazione pugliese: Fabiana Quadrelli, Pastry chef del Riva Restaurant di Bari e finalista del talent show di Sky «Antonino Chef Academy» di Antonino Cannavacciulo; Chef Master Davide Rollo, del ristorante «Il vecchio molo» di San Foca di Melendugno (Lecce) e Chef Daniel Graziano, brindisino doc e tra i primi giovani a movimentare la ristorazione cittadina, dapprima con il «Buonavita» e presto con il «Mama», ristorante di pesce di prossima apertura a Brindisi. Nel corso della serata saranno degustati i vini della cantina «Le Vigne di Sammarco» di Cellino San Marco, i prodotti caseari de «La Pampanella» e i prodotti della nostra terra delle aziende agricole Vincenzo Pugliese e «C’era una volta».

La serata, che si avvale del contributo della S.I.R. Servizi Industriali, sarà allietata dalla formazione «La Italian Style Band – 100% musica italiana da ballare», composta da Ciccio Sgura alla voce, Alfredo Greco alle tastiere synth e cori, Pier Gallone alla batteria, Cesare Greco al basso elettrico: un repertorio che abbraccia tutta la musica italiana, da Gazzé a Jovanotti per arrivare a Zucchero e The Giornalisti … E poi un big medley dagli anni 60 di «Tintarella di luna» per passare agli Anni ’80 di «Cicale» e finire a 50 Special del 2000.

La serata sarà il battesimo per la neonata associazione di promozione sociale «Batti un colpo», fortemente voluta dal giornalista Carlo Amatori proprio al fine di svolgere attività di utilità sociale e sensibilizzazione.