Istituito l’Organismo di composizione della crisi del Comune di Lecce

logo comune Lecce

Attraverso l'”Organismo di Composizione della Crisi del Comune di Lecce”, l’Amministrazione intende fronteggiare e amministrare situazioni debitorie

LECCE – Approvata ieri in Consiglio comunale l’istituzione, con apposito regolamento, dell’Organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento (OCC), previsto dalla Legge n. 3/2012.
Attraverso l'”Organismo di Composizione della Crisi del Comune di Lecce”, l’Amministrazione intende fronteggiare e amministrare situazioni debitorie di tutti quei soggetti – piccole imprese, società artigiane, privati in generale – che non possono accedere alle procedure fallimentari, non avendone i requisiti, e offrire dunque la possibilità della cancellazione dei debiti al fine di riacquistare un ruolo attivo nell’economia, senza restare schiacciati dal carico dell’indebitamento preesistente.

Questa proposta – dichiara il vicesindaco e assessore alla Trasparenza e Legalità Alessandro Delli Noci – passata ieri in Consiglio comunale, è stata studiata a fondo dai componenti delle Commissioni Statuto e Bilancio che voglio ringraziare. Siamo certi che questo strumento, di cui oggi si dota il Comune di Lecce, abbia grandi potenzialità, prima di tutto perché, mitigando le pressioni dei creditori, riduce le tensioni sociali e prova a scongiurare il ricorso al mercato dell’usura e del racket che rappresenta una grossa piaga per il territorio. Evitare che tanti piccoli esercenti in difficoltà, imprenditori, artigiani, uomini e donne che hanno perduto il lavoro facciano ricorso a pratiche illegali è una nostra priorità. Per farlo però abbiamo bisogno di offrire un supporto concreto che consenta al debitore di poter cancellare il debito e riacquistare credibilità sociale. Questo Organismo consentirà di recuperare il debito, lavorerà in sinergia con il Tribunale, non comporterà grandi costi per l’Amministrazione e rappresenterà di certo un’opportunità reale per combattere l’usura e promuovere e diffondere la legalità”.