I cussini tornano da San Marino con un ricco bottino

cus bari

Ecco com’è andata

BARI – Sabato 15 e domenica 16 febbraio al Multieventi Sport Domus di Serravalle, nella Repubblica di San Marino, si è svolto il 18° Meeting del Titano – 7° Gran Prix d’Inverno, che ha visto impegnati i nuotatori del Cus, che hanno ottenuto vari risultati positivi e superato i record regionali.

Le gare, alle quali hanno partecipato 85 società e 724 atleti provenienti da varie nazioni europee, si sono disputate in vasca lunga, da 50 metri nelle categorie ragazzi, juniores, cadetti e assoluti. Il Cus Bari, guidata dai tecnici Dario Giannone, Michele Giardino e Mario Pellegrino, si è posizionato al 15° posto generale e tutti i cussini si sono già qualificati per i campionati italiani di categoria in vasca lunga, che si svolgeranno al Foro Italico a Roma nel mese di agosto.

È andata molto bene – ha commentato Mario Pellegrino – abbiamo raggiunto tutti i nostri obiettivi. Questa è stata la loro prima uscita in vasca lunga e siamo molto soddisfatti di aver notato un miglioramento complessivo dei tempi. Questo evidenzia il buon lavoro svolto durante gli allenamenti nella nostra vasca da 50 metri, unica coperta in Puglia”.

Il sedicenne Christian Dentico ha fatto registrare il nuovo record regionale assoluto nei “50 delfino” (25:13), battendo il precedente dello stesso Cus Bari, realizzato circa dieci anni fa da Dalema Antonio Luca (25:21). Ma non è tutto. Stesso primato nei “50 stile”, dove ha ottenuto il record regionale nella categoria juniores (23:40). Ancora, Andrea Pasculli ha ottenuto il 3° posto nei “200 stile libero” categoria Ragazzi e Nicholas Karol D’onghia è arrivato 4° nei “200 rana”. Anche la compagine femminile, composta da Francesca Buono, Annamaria Lopez e Monica Irpinia si è distinta positivamente. Quest’ultima ha ottenuto l’argento nei “200 delfino” ed è arrivata 3^ sia nei “200 misti” che nei “100 delfino” categoria Ragazzi.

I ragazzi si sono confrontati con atleti preparatissimi, si sono impegnati tanto e sono riusciti a conquistare la qualificazione al campionato italiano. Merito loro e merito anche degli allenatori. Questa è la dimostrazione che la squadra funziona”.