Giornate Fai di Primavera, anche Gallipoli fra le 300 città italiane

9

grafica punta pizzo

GALLIPOLI (LE) – Torna l’evento dedicato al patrimonio culturale e paesaggistico del nostro Paese: in occasione delle Giornate FAI di Primavera – sabato 15 e domenica 16 maggio, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza sanitaria, anche Gallipoli presenterà ai visitatori il suo tesoro verde grazie alle volontarie e ai volontari FAI.

Gallipoli, per la seconda volta, rientra nel percorso nazionale del FAI – Fondo Ambiente Italiano, in particolare nella sezione dedicata ai PARCHI NATURALI, con un luogo di grande rilevanza territoriale: il parco naturale regionale “Isola di sant’Andrea e litorale di Punta Pizzo.”

Il Parco rappresenta un punto di riferimento per l’intero territorio regionale e custodisce al suo interno esemplari caratteristici di fauna e flora. Nato per salvaguardare i caratteri di quella chorà erema –terra deserta- ricordata da Tucidide, è uno straordinario ecomosaico in cui convivono ambienti estremamente diversificati e si intersecano rotte migratorie che vanno dal Nordafrica all’Europa centrale e ai Balcani. La Torre del Pizzo, realizzata dai proprietari fra il 1532 ed il 1563, domina solitaria la stupenda insenatura e guarda alla città. Da un atto notarile del 2 gennaio 1693, risulta che la Reverenda Madre Priora di Santa Teresa aveva ottenuto dall’Università di Gallipoli l’uso del sito di demanio montuoso e macchioso, detto pizzo del cutriero, “per fare un aparo, per avere cera e altro di utile e comodo a detto venerabile convento“.

Un’occasione speciale per scoprire il nostro parco – commenta il sindaco Stefano Minerva – Siamo lieti di rientrare in questa straordinaria manifestazione nazionale e che mette in luce le nostre peculiarità. Grazie a chi ha preso a cuore questa iniziativa e ai volontari che la realizzeranno: la bellezza deve essere condivisa e Gallipoli, con il suo immenso tesoro, non può che rispondere presente.”