Giorgio Coluccia ad Alessano per Il Salento immaginato

10

locandina città stadio

ALESSANO (LE) – Venerdì 20 agosto alle 21 nella piazzetta antistante la Libreria Idrusa di Alessano, con la presentazione del volume “Città Stadio” del giornalista sportivo Giorgio Coluccia (Absolutely free), prosegue “Il Salento immaginato”, rassegna promossa da Associazione culturale NarrAzioni, Libreria Idrusa e Presidio del libro di Alessano con il sostegno di Regione Puglia e Teatro Pubblico Pugliese nella programmazione Custodiamo la cultura in Puglia e con il patrocinio del Comune di Alessano. L’autore, dialogando con il giornalista Tony Damascelli e il linguista Rocco Luigi Nichil, racconterà questo viaggio negli storici impianti da Highbury all’Old trafford, testimonianze di uno sport che unisce intere generazioni. C’è un filo invisibile capace di unire ancora l’Inghilterra del football. Passa per i suoi stadi storici, quelli che restano annodati al cuore della propria gente. Il libro segue un itinerario che resiste all’avanzare del tempo, laddove il football ground coincide ormai con l’essenza del quartiere, aggrega intere generazioni della stessa città attorno a un’unica squadra. Ci sono Portman Road a Ipswich (1884), Ashton Gate a Bristol (1887), St James’ Park a Newcastle (1892), Old Trafford a Manchester (1909), Highbury (1913), che da Londra in realtà non se ne è mai andato, e l’eccezionale singolarità di Nottingham, dove City Ground (1878) e Meadow Lane (1910) se ne stanno adagiati sulle rive del fiume Trent a guardarsi ad appena 275 metri di distanza. “Città stadio” è un pellegrinaggio nel cuore di ogni quartiere, per andare a caccia delle origini, delle storie più nascoste, di appassionati che hanno trasformato quegli impianti in una seconda casa, chiudendo a chiave dentro di essi partite da tramandare ai posteri. Come meteore sono passati calciatori, allenatori, avversari, presidenti e intere stagioni, ma gli stadi storici resistono ancora, sono veri e propri reduci rispetto a calamità, guerre ed esigenze di modernità che non risparmiano nessun ambito. Eppure ci sono ancora e “Città stadio” va a scavare nella loro esistenza per raccontare ciò che custodiscono. Prima che sia troppo tardi.

La rassegna proseguirà martedì 24 agosto sempre alle 21 e sempre alla Libreria Idrusa con Luana Rizzo, curatrice del libro “Commento agli Inni Orfici” di Matteo Tafuri, uscito per Bompiani. Il sottile e profondo fascino misterico degli Inni orfici è celebrato in questo Commento, l’unico superstite ad oggi nel mondo, in lingua greca, in cui il trionfante platonismo d’età laurenziana si coniuga con le nuove istanze religiose, dando vita ad una sapientia filosofica e teologica, della quale erano depositari gli antichi teologi da Zoroastro a Ermete Trismegisto, Orfeo, Aglaofemo, Pitagora e Platone; essa fu trasmessa poi dai neoplatonici e culminò nella teologia cristiana, acme di un percorso iniziatico che conduce all’unità della Verità Rivelata. Il Commento con la sua esegesi ai Poemi orfici rivela il nucleo dottrinale del pensiero dell’autore, in cui la teologia, la teurgia e la magia cerimoniale insegnano all’uomo come giungere al colloquio con gli angeli e ricongiungersi alla divinità. Gli Inni sotto il profilo ieratico-teurgico sono preghiere pronunciate dall’uomo per entrare in comunione con il divino, sotto quello magico, canti in grado di vincolare, di incantare, di infondere potere in colui che deve essere incantato e iniziato, il μύστης. Sulla base della translatio sapientiae pagana e biblicocristiana gli Inni orfici riproposti in questo Commento in chiave moderna rivendicano, sulle orme di Ficino, il connubio fra pia philosophia e docta religio. L’orfismo del Rinascimento è un rinascimento dell’orfismo, è la rinascita dei miti orfici ma soprattutto l’elaborazione delle dottrine orfiche in campo filosofico.