Foggia, presentata la stagione dell’Orchestra ICO “Suoni del Sud”

37

Dal 23 febbraio al 29 dicembre 2024 la rassegna di concerti che prevede diversi generi: dalla musica sinfonica a quella elettronica e cameristica, dal bel canto agli omaggi a Claudio Baglioni e a Domenico Modugno

FOGGIA – Quindici eventi di altissimo pregio con protagonisti diversi artisti di fama internazionale accompagnati dall’orchestra stabile di Foggia. Sono le caratteristiche principali della Terza stagione concertistica dell’Orchestra ICO “Suoni del Sud” che è stata presentata questa mattina nella Sala Fedora del Teatro Giordano.
La rassegna è organizzata in collaborazione con il Teatro “Umberto Giordano” e il Conservatorio di musica Giordano, con il contributo del Ministero della Cultura, della Regione Puglia e del Comune di Foggia.
Prenderà il via il 23 febbraio per chiudersi il 29 dicembre con il consueto appuntamento che anticipa il Capodanno.
Tra i nomi in cartellone spiccano: Karima, il soprano Francesca Patanè, star della lirica internazionale come pure il tenore Antonello Palombi, e poi il francese Fabien Thouand, primo oboe dell’orchestra dell’Accademia di Santa Cecilia in Roma e già primo oboe per un ventennio al Teatro alla Scala di Milano, il pianista Giuseppe Andaloro, interprete tra i più apprezzati e premiati al mondo, il violinista Ivo Stankov e il pianista Lachezar Stankov, tra gli artisti bulgari più importanti e versatili della loro generazione, e tanti altri nomi celebri.
La nuova programmazione da Libera Granatiero, presidente dell’associazione musicale “Suoni del Sud”, insieme alla sindaca di Foggia, Maria Aida Episcopo, all’assessore comunale alla Cultura, Alice Amatore, e al direttore del Conservatorio di musica “Umberto Giordano”, Donato Della Vista.

“Per noi è un orgoglio – ha affermato la sindaca – avere a Foggia un’Istituzione concertistica orchestrale, ricordando che ce ne sono poche riconosciute in Italia, la nostra peraltro è referenziatissima. Proporre queste iniziative significa favorire la crescita della cittadinanza dal punto di vista della cultura musicale”.
“La ICO Suoni del Sud sta facendo un grandissimo lavoro – ha dichiarato Amatore – che aggiunge valore culturale portando anche il nome della città oltre i confini nazionali e non è un fatto scontato in ambito culturale. Questa è vera promozione, che consente anche la possibilità di offrire sbocchi lavorativi a chi vuole vivere di musica sul territorio”. Sulla stessa linea il direttore del Conservatorio che ha rimarcato: “Noi facciamo formazione e accompagnamento degli studenti verso un proprio percorso musicale e professionale, per cui la ICO può rappresentare una naturale prosecuzione verso un concreto sbocco lavorativo”.
“C’è grande attesa per questa rassegna – ha spiegato orgogliosa Libera Granatiero – poiché dopo le ultime due stagioni in crescente successo, quella del 2024 completa un trittico di grandi produzioni con appuntamenti imperdibili di altissimo livello e in grado di soddisfare le esigenze di un pubblico trasversale, dagli appassionati ai giovanissimi e alle famiglie. Siamo orgogliosi perché l’obiettivo di favorire, attraverso l’ICO ‘Suoni del Sud’, una rinascita della cultura musicale di Foggia si sta consolidando, grazie anche alle importanti collaborazioni con le istituzioni del territorio. E così possiamo proporre appuntamenti di grande valore artistico e artisti riconosciuti a livello internazionale”.
Anche la stagione 2024, la cui direzione artistica è affidata a Ettore Pellegrino, alterna diversi generi: dalla musica sinfonica a quella elettronica e cameristica, dal bel canto agli omaggi a Claudio Baglioni e a Domenico Modugno.

Il debutto è fissato per venerdì 23 febbraio con “Puccini 100”, omaggio a Giacomo Puccini con le voci del soprano Francesca Patanè e del tenore Antonello Palombi. A dirigere l’Orchestra ICO “Suoni del Sud” sarà Jacopo Sipari di Pescasseroli.
L’8 marzo sarà l’occasione per per riascoltare in chiave sinfonica le musiche dei mitici Queen. “Queen Project”, Bohemian Fantasy for piano and orchestra è infatti il titolo del concerto che vedrà Giuseppe Andaloro, fuoriclasse del pianoforte a cui si devono anche gli arrangiamenti orchestrali. in veste di solista. Direttore sarà Marco Moresco. Domenica 17 marzo tornerà ospite l’Istituzione Sinfonica Abruzzese che proporrà “Gli Incanti di Partenope”, la storia della canzone napoletana d’autore, con il soprano Libera Granatiero e il tenore Leonardo Gramegna, il racconto di Riccardo Canessa e la direzione di Benedetto Montebello che condurrà l’orchestra anche il 28 marzo nel Stars and Stripes Concert. Karima sarà la protagonista dell’evento del 5 aprile intitolato “In Love with Burt Bacharach”, concerto, ideato e presentato da Massimo Giampiero Marsico e diretto da Agostino Ruscillo con gli arrangiamenti di Silvano Mastromatteo. Il 19 aprile si viaggerà tra le note dell’affascinante rilettura di una leggenda con “Paganini in Jazz”, che vedrà come violino solista Ettore Pellegrino e la direzione di Roberto Molinelli. Altro intenso appuntamento con la classica il 3 maggio con “700Cello” con l’Orchestra diretta da Giancarlo De Lorenzo e Gabriele Geminiani nel ruolo di violoncello solista. Dopo la pausa estiva, la stagione ripartirà l’11 ottobre con un concerto realizzato in collaborazione con il Conservatorio di musica “Umberto Giordano” che racchiuderà sotto l’etichetta di “Metti una sera con il Conservatorio” due apprezzati appuntamenti che mettono in luce studenti di talento: “ContempoRun” e “Premio Corti di Capitanata”. Direttore sarà Benedetto Montebello. Si proseguirà il 25 ottobre con “Notte di Note”, storie e canzoni di Claudio Baglioni, arrangiate da Mario Longo, che dirigerà l’orchestra, e la voce di Gerry Ruotolo, mentre testi e voce narrante sono di Cristian Levantaci.
L’8 novembre sarà ospite l’Orchestra di Matera e della Basilicata per “A Romantic Journey”, concerto che avrà come solisti il violinista Ivo Stankov e il pianista Lachezar Stankov. La direzione sarà di Linus Lerner.
Il 15 novembre andrà in scena “Meraviglioso”, omaggio a Domenico Modugno con il cantattore Cristian Levantaci e l’Orchestra Soundiff.
La grande lirica sarà rappresentata il 28 novembre da “Violetta Valery”, opera liberamente ispirata a “La Traviata” di Giuseppe Verdi.
Il 6 dicembre sarà la volta di Fabien Thouand nella doppia veste di solista e direttore in “L’ancia perfetta”. Gli ultimi due appuntamenti sono nel segno della tradizione dell’ICO foggiana: il 20 dicembre è in programma il “Concerto di Natale” con il migliore Gospel americano e il giorno 29 si chiuderà con il grande “Concerto di Capodanno”.

Tutti i concerti avranno inizio alle 20.30. Gli abbonamenti, il cui costo va dagli 80 ai 140 euro, a seconda del posto, saranno in vendita dal 13 al 20 febbraio presso la sede dell’associazione “Suoni del Sud” in via Brindisi, 24 Foggia; dal lunedì al venerdì, dalle 9.30 alle 12.30. I vecchi abbonati potranno esercitare il diritto di prelazione dal 29 gennaio al 12 febbraio.
I biglietti dei singoli concerti (tra i 10 e i 14 euro) saranno acquistabili sul sito www.vivaticket.com, presso la sede dell’associazione “Suoni del Sud” a partire dal 21 febbraio, oppure al botteghino del Teatro “Umberto Giordano” un’ora prima dell’inizio.
Sono previsti sconti per over 65, studenti, scuole, Afam, universitari e associazioni convenzionate. Per informazioni, si può telefonare al numero 324.5912249.