“Festa del Mare 2024”, a Bari dal 6 giugno al 31 agosto

31

La settima edizione del cartellone unico dell’estate barese riunisce quattro importanti manifestazioni musicali Locus Festival, Bari in Jazz, Bari Piano Festival e Premio Nino Rota

BARI – Torna anche quest’anno la Festa del Mare, il cartellone unico dell’estate barese, in programma da giovedì 6 giugno (anteprima del Bari Piano Festival) a sabato 31 agosto (conclusione del Premio Rota), promosso dalla Regione Puglia – Assessorato al Turismo con Pugliapromozione e Teatro Pubblico Pugliese – Consorzio Regionale per le Arti e la Cultura a valere su fondi POC Puglia 2014/20 Asse VI – Azione 6.8 in collaborazione con il Comune di Bari – Assessorato alle Culture e Turismo.

Anche per questa settima edizione la manifestazione riunisce Locus Festival, Bari in Jazz, Bari Piano Festival e Premio Nino Rota.

Locus Festival inaugura la sua ventesima edizione a Bari il 28, 29 e 30 giugno. L’inizio di un viaggio attraverso la Puglia che, dopo Bari, proseguirà ad Alberobello, Minervino Murge, Ostuni Fasano e Locorotondo. La collaborazione fra Locus festival e Festa del Mare, con il supporto degli assessorati alla Cultura e Turismo della Città di Bari e della Regione Puglia, porterà nel capoluogo pugliese 25.000 appassionati di musica da tutta Italia e dall’estero, con un programma di qualità che propone il cantautorato indie di Calcutta, venerdì 28 giugno nella Fiera del Levante, il rap attuale di Salmo & Noyz Narcos, sabato 29 sul lungomare, in contemporanea con il cantautore irlandese Glen Hansard nel Teatro Petruzzelli, e il gran finale di domenica 30 sulla Rotonda di via Paolo Pinto con i leggendari Simple Minds. Le statistiche dei biglietti venduti mostrano dati significativi: le fasce di età coinvolte variano dai diciassettenni agli over 40, con centinaia di acquisti da città come Milano, Roma e Bologna, e dall’estero principalmente Spagna, Francia, Regno Unito ma anche Canada e Nuova Zelanda.

Bari in jazz apre e chiude ufficialmente la sua 21° edizione nel capoluogo pugliese: il 13 luglio, nel cortile del Redentore, con i Bokanté, e il 29 agosto, a Torre a Mare, con il progetto Lumenea di Ambrogio Sparagna.

Bari, dunque, sarà la prima tappa ufficiale della 21ª edizione di Bari in Jazz, con il concerto dei Bokanté, un ensemble creato da Michael League, fondatore e leader degli Snarky Puppy, ricco di groove, melodia e soul che farà un’unica data in Italia.

Bokanté, in programma al Redentore il 13 luglio prossimo, è un progetto multicolore e multiculturale composto da 8 musicisti provenienti da 4 continenti che si esibiranno intrecciando ritmi africani, melodie caraibiche e influenze rock in un connubio di sonorità e culture fuse in un’unica esperienza emozionante. Bokanté significa scambio, dialogo in creolo, la lingua della giovane cantante Malika Tirolien, voce principale del gruppo, originaria dell’isola caraibica di Guadalupa. Durante la loro esibizione, presenteranno il loro terzo album “History”, nominato per due Grammy Awards 2024. Le canzoni, principalmente in creolo di Guadalupa, trattano di outsider, veggenti, storia nera, unità globale e inutilità della guerra. Un concerto che annulla le differenze culturali, lasciando spazio a una connessione profonda e universale attraverso la musica. I Bokanté dimostrano il potere trasformativo della musica, invitando tutti a riflettere, amare e apprezzare la bellezza di un mondo ricco di diversità e armonia.

Il 29 agosto il festival chiude a Torre a Mare, in piazzetta della Torre, con il progetto Luménea, (in griko fuoco nuovo), che vede in scena 10 elementi tra voci, tamburelli, violino, tastiera diretti da Ambrogio Sparagna (voce, organetto), con la partecipazione di Erasmo Treglia (ghironda, ciaramella, totototela). Una grande festa con i canti della Grecía salentina, con ritmi tra l’antico e il moderno, per attraversare il Salento guidati dagli echi musicali e dalle storie arrivate fin qui dalla sponda greca. Nasce dal bisogno di indagare le commistioni dei linguaggi e delle tradizioni condivise dalle culture dei Paesi mediterranei, mantenendo in vita la cultura popolare salentina e in particolar modo quella appartenente alla minoranza grika. “Anemo” è il vento che trasporta i suoni e le voci e mette in risonanza una decina di brani basati su testi tradizionali: è il soffio vitale che vuole ridare voce a un repertorio ancora poco conosciuto, che racconta il lavoro, l’amore e anche la speranza di vivere in una dimensione che preserva e custodisce valori antichi e sempre attuali.

Giunto quest’anno alla sua settima edizione, il Bari Piano Festival 2024 si svolgerà – come da tradizione – nell’ultima settimana di agosto (dal 22 al 29) confermandosi occasione preziosa per ascoltare grandi pianisti provenienti da ogni parte del mondo in un repertorio che dalla classicità giunge alle varie declinazioni della contemporaneità.

Anteprima il 6 giugno, col pianista americano Richard Steinbach che proporrà, sulla terrazza del Fortino Sant’Antonio, un’antologia di musica americana.

Il festival vero e proprio si apre, il 22 agosto, con un recital di grande prestigio: sul sagrato della Basilica di San Nicola Alessandro Taverna eseguirà l’integrale degli Studi di esecuzione trascendentale di Franz Liszt. Si prosegue, il 23 agosto, con Iiro Rantala, talentuoso pianista jazz finlandese, con un recital di piano solo, in uno dei due concerti al tramonto sulla spiaggia di Torre Quetta. Sabato 24, al Fortino, una novità di questa edizione: un concerto notturno (che comincerà oltre mezzanotte) con due set di pianoforte contemporaneo – 40 minuti ciascuno – che vedono protagonisti due giovani talenti italiani, Flavia Salemme e Simone Librale. Per tre giorni consecutivi, poi, il festival sarà ospitato nel Chiostro di Santa Chiara: domenica 25 con la presentazione del libro “Sarà l’avventura” (Il Saggiatore) di Carlo Fontana, già Sovrintendente del Teatro alla Scala, che dialogherà con Emanuele Arciuli e Nazzareno Carusi, pianista e direttore artistico del Premio Paganini. Lunedì 26, in esclusiva nazionale, la pianista australiana Lisa Moore, parte del leggendario gruppo americano Bang on a Can, eseguirà un ricco programma ancora incentrato sull’America, filo conduttore di questa edizione. Il 27 agosto sarà la volta di un libro, con il gradito ritorno di Francesco Carofiglio con suo ultimo romanzo, e due set di pianoforte solo, protagoniste le fascinose sonorità di Roberta Di Mario e le ardite sperimentazioni di Benedetto Boccuzzi. Chiude il 29 agosto, ancora in esclusiva regionale, il pianista Antonio Faraò, tra i massimi esponenti del jazz italiano di oggi, con un concerto al tramonto a Torre Quetta. Anche quest’anno i concerti a Torre Quetta saranno seguiti da un djset.

La sesta edizione del “Premio Rota” si terrà il 30 e 31 agosto, come di consueto, a Torre a Mare, il luogo scelto da Nino Rota come buen ritiro per oltre trent’anni.

Prosegue l’indagine del Premio alla ricerca di approcci innovativi nel mondo delle colonne sonore con una particolare attenzione a quanto sta avvenendo nella produzione cinematografica e delle serie televisive in Italia, con un occhio particolare a una nuova generazione di compositori, in molti casi provenienti anche dal mondo della musica indipendente. Quest’anno le scelte degli esperti sono ricadute su alcuni compositori che sempre più si allontanano dall’idea di tappeto sonoro subordinato alle immagini verso un modello di colonna sonora che nasce come opera autonoma che affianca le immagini ed è solo ispirata e non determinate dalle sceneggiature.

I nomi: Roberto Salahaddin Re David. Musicista, compositore e ricercatore. Si diploma al conservatorio N. Piccinni di Bari dove studia Contrabbasso e Composizione. Approfondisce lo studio delle tradizioni musicali orientali, in particolare quella islamica di provenienza turca, araba e persiana e quella indiana con l’ex direttore del Conservatorio di Stato di Baku (Azerbaijian), Fakraddin Gafarov. Ha al suo attivo composizioni scritte per il teatro, il cinema e varie formazioni musicali riguardanti generi diversi. Il lavoro che lo ha posto sotto l’attenzione del Premio Rota è la musica scritta per il pluripremiato film d’animazione di Michele Fasano “Metamorphosis”, un supporto intenso e delicato per questa fiaba che sta facendo con successo il giro del mondo.

Kekko Fornarelli è un pianista, compositore e produttore barese. Con quattro album pubblicati e oltre 200 concerti in 35 Paesi nel mondo negli ultimi cinque anni, è attualmente uno degli artisti italiani più apprezzati nel mondo. Ha sviluppato uno stile unico caratterizzato dal tentativo di creare musica da osservare, più che da ascoltare. Un modo particolare e tutto personale per raccontare storie, esprimere emozioni e “dipingere” situazioni. La sua musica è una morbida combinazione tra le più moderne idee nordeuropee e un lirismo neoclassico, filtrata dal suo caldo background mediterraneo. Atmosfere che sono naturalmente sbarcate nella composizione di colonne sonore. L’ultima è “Gli agnelli possono pascolare in pace” per il film di Beppe Cino con Maria Grazia Cucinotta. In cantiere, ma ormai in avanzata fase di realizzazione musiche per cortometraggi, un doc con Russel Crowe e un lungometraggio di ambientazione noir in uscita a inizio 2025.

Roberto Cherillo è una delle espressioni più originali del jazz italiano. Pianista ecompositore fuori dagli schemi, ha condotto un imponente lavoro di ricerca sulla voce, incrociando influenze orientali e particolari tecniche nello studio del canto armonico. Ha composto musica per il teatro, la pubblicità e per docu film. Singolare e affascinante la musica scritta per “Sono innamorato di Pippa Bacca”, il film di Simone Manetti ispirato alla tragica vicenda della nota performer artista italiana uccisa in Turchia durante la performance itinerante “Spose in viaggio”, con cui si proponeva di attraversare, in autostop, 11 Paesi teatro di conflitti armati, vestendo un abito da sposa per promuovere la pace e la fiducia nel prossimo.

Nel programma di questa sesta edizione del Premio Rota ci saranno due sonorizzazioni live: Oltre Metamorphosis, eseguita dall’Ensemble di Roberto Salahaddin Re David, vi sarà Nosferatu ad opera di Karim Qqru (Zen Circus) Xabier Iriondo (A8erhours) e Corrado Nuccini (Giardini di Mirò) per uno spettacolo costruito disegnando la musica sulla celebre pellicola del 1922 di Murnau, in una fusione quasi perfetta di suoni e immagini. Un connubio inedito connubio tra sonorità provenienti dal mondo del rock indipendente italiano e il capolavoro dell’espressionismo tedesco.

Anche per quest’anno a presentare le serate del premio sarà il giornalista Enzo Gentile.