Decreto Xylella, Abaterusso (LeU/I Progressisti): “Ancora un’altra occasione persa. E intanto l’olivicoltura pugliese piange”

ernesto abaterusso

Le dichiarazioni del Presidente Gruppo consiliare Leu/I Progressisti in Regione Puglia

BARI – “Di fronte al flagello della Xylella e nonostante si siano persi anni in promesse, rimpalli di responsabilità e rinvii, il Governo gialloverde sta perdendo l’ennesima grande occasione per intercettare il segnale di sofferenza che arriva dal comparto olivicolo pugliese“. Così il Presidente del Gruppo consiliare LeU/I Progressisti, Ernesto Abaterusso, commenta il contenuto del Decreto relativo al piano di interventi per il rilancio dei territori colpiti da Xylella fastidiosa. “Avremmo dovuto trovare nel testo misure semplici e chiare capaci di spiegare come il Governo ha intenzione di muoversi per fronteggiare questa emergenza – spiega Abaterusso – invece non c’è nulla di tutto questo: nessuna semplificazione, nessun aiuto per superare le attuali procedure amministrative che spesso impediscono gli espianti delle piante disseccate e/o infette. Nulla sulle misure che riconoscano a tutti i produttori, indipendentemente dal loro status, i maggiori costi sostenuti per fronteggiare la Xylella fastidiosa. Nessun piano organico di contrasto al batterio che permetta di provvedere ai rimborsi. Nulla viene detto in merito al risarcimento per le aziende che hanno provveduto ad abbattere le piante infette. Mancano pure le misure a supporto degli enti locali per il contrasto alla batteriosi attraverso la riqualificazione del verde e delle aree degradate. Una vera doccia fredda per un comparto ormai allo stremo“. “È da tempo che chiediamo a Governo e Regione di voltare pagina e mettere in campo iniziative e risorse capaci di far ripartire il comparto agricolo pugliese. Lo abbiamo fatto formulando proposte ed esercitando un ruolo di pungolo responsabile e costruttivo. Oggi però crediamo che il tempo sia ormai abbondantemente scaduto! Mi chiedo: è intenzione di questo Governo e della Regione sostenere il comparto in difficoltà?” chiede Abaterusso. “La Puglia non può permettersi di perdere altro tempo – conclude Abaterusso – considerata l’inefficienza di questo Decreto che non produrrà alcun effetto virtuoso e continuerà ad aggravare i problemi di un territorio sempre più avviluppato da una crisi senza precedenti. Non è di questo che gli agricoltori hanno bisogno, non è questo ciò che chiedono. Caro Ministro Centinaio, ci aspettavamo un documento che affrontasse il problema con una programmazione seria, credibile e concreta attraverso strumenti e risorse veri, invece siamo di fronte al solito slogan incapace di rispondere alle aspettative e alla reali esigenze degli olivicoltori pugliesi“.