Coronavirus Puglia, dati del 5 aprile: +677 nuovi positivi

12

coronavirus lunedì

Il bollettino di lunedì 5 aprile 2021: salgono a 51.220 i casi attualmente positivi al Covid-19 in regione, 20 decessi

REGIONE – Nuova giornata di informazione da Puglianews24.eu sulla situazione dell’emergenza Coronavirus in Regione per lunedì 5 aprile 2021. Andiamo a vedere di seguito i dati del bollettino della giornata.

In Puglia, sono stati registrati 3978 test per l’infezione da Covid-19 coronavirus e sono stati registrati 677 casi positivi: 211 in provincia di Bari,5 in provincia di Brindisi, 23 nella provincia BAT, 265 in provincia di Foggia, 125 in provincia di Lecce, 44 in provincia di Taranto, 3 casi di residenti fuori regione, 1 caso di provincia di residenza non nota.

Sono stati registrati 20 decessi: 9 in provincia di Bari, 2 in provincia di Brindisi, 2 in provincia di Foggia, 6 in provincia di Taranto, 1 residente fuori regione.

Dall’inizio dell’emergenza sono stati effettuati 1.926.979 test.

  • 145.721 sono i pazienti guariti.
  • 51.220 sono i casi attualmente positivi.

Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 201.872 così suddivisi:

  • 78847 nella Provincia di Bari;
  • 19697 nella Provincia di Bat;
  • 14626 nella Provincia di Brindisi;
  • 37220 nella Provincia di Foggia;
  • 19254 nella Provincia di Lecce;
  • 31230 nella Provincia di Taranto;
  • 700 attribuiti a residenti fuori regione;
  • 298 provincia di residenza non nota.

I Dipartimenti di prevenzione delle Asl hanno attivato tutte le procedure per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

Il bollettino epidemiologico Regione Puglia 5.4.2021 è disponibile al link: http://rpu.gl/CW7ag

IL PUNTO SULLA CAMPAGNA VACCINALE IN PUGLIA

Grande partecipazione alla prima giornata di vaccinazioni dedicata a caregiver e familiari conviventi di minori di 16 anni con disabilità grave: da ieri mattina sono state effettuate 5.100 somministrazioni nei centri vaccinali aperti in tutta la regione e le operazioni sono ancora in corso. Al lavoro centinaia di persone tra operatori sanitari, addetti e volontari della Protezione civile regionale e delle associazioni.

“Una Pasqua di grande dedizione, partecipazione, voglia di guardare avanti, desiderio di mettere al sicuro i più fragili a cominciare dai bambini. Sono queste le immagini che ci restituisce questa giornata, nella quale in tutta la Puglia sono in corso a pieno ritmo le vaccinazioni anticovid. La campagna vaccinale non si ferma ed è per questo che sento di dover ringraziare le centinaia di operatori sanitari, addetti e volontari alla protezione civile e tutti coloro che sono impegnati, instancabilmente, da mesi nella lotta contro il covid. Rinnoviamo le raccomandazioni anche per la giornata festiva di domani, a fare attenzione e a rispettare le regole di prevenzione per non vanificare tutti gli sforzi che si stanno compiendo”, dichiarano il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano e l’assessore alla Sanità Pier Luigi Lopalco.

Anche la giornata di oggi, Lunedì dell’Angelo, sarà dedicata a caregiver, genitori, tutori, affidatari, familiari conviventi (maggiorenni e non in condizione di fragilità) di minori di 16 anni, nati dal 1 gennaio 2005 in poi, con disabilità grave ai sensi della legge 104/92 art.3 comma 3.

Per organizzare al meglio i flussi, si procederà in base al cognome del minore con disabilità, secondo quanto predisposto dal calendario di ciascuna Asl. L’elenco degli hub vaccinali, gli orari di apertura e i raggruppamenti per lettere alfabetiche sono disponibili a questo link: https://www.regione.puglia.it/web/speciale-coronavirus/caregiver-sessione-pasqua.

La Regione precisa che non potranno essere vaccinati in queste giornate dedicate, i caregiver e i conviventi di anziani e soggetti fragili adulti, i quali continueranno ad essere vaccinati secondo le modalità finora previste per ciascuna categoria.

Le vaccinazioni effettuate sino ad oggi in Puglia sono 646.218. Il dato è aggiornato alle ore 15.30 del 4 aprile 2021.

Sono 2.600 circa le vaccinazioni eseguite dagli operatori della Asl Bari nella prima giornata degli open day dedicati alle vaccinazioni per i caregivers degli under 16, ovvero dei familiari e conviventi maggiorenni di disabili gravi nati dal 1 gennaio 2005 in poi.

A Bari nell’hub Fiera – uno dei 17 centri predisposti dalla Asl per le giornate di Pasqua e Pasquetta – il direttore generale Antonio Sanguedolce ha seguito in prima persona le operazioni a supporto di volontari, medici, infermieri e assistenti sanitari impegnati nella gestione dei percorsi vaccinali.

“Abbiamo riscontrato una larga adesione – ha detto Sanguedolce – non ci fermeremo mai e ringrazio tutti gli instancabili operatori per il lavoro straordinario che stanno facendo per portare avanti la campagna vaccinale”.

Squadre di vaccinatori al lavoro non solo a Bari ma anche a Capurso, Valenzano, Mola di Bari, Alberobello, Sammichele, Altamura, Acquaviva delle Fonti, Bitonto, Corato, Molfetta, Adelfia, Monopoli e Locorotondo, dove le somministrazioni proseguiranno questa mattina a partire dalle 8.30.

Ieri, dalle 8.30, ha preso il via la campagna vaccinale per i pazienti onco-ematologici in cura all’Istituto Tumori ‘Giovanni Paolo II’ di Bari. Rientrano in questa categoria i pazienti onco-ematologici non ricoverati, attualmente in cura con farmaci immunosoppressivi, mielosoppressivi o coloro che hanno sospeso le cure da meno di 6 mesi. I pazienti sono stati contattati direttamente dal personale dell’unità operativa di ematologia dell’istituto e, per ogni paziente, è stato individuato un caregiver poi sottoposto a vaccinazione. L’ordine di vaccinazione ha tenuto conto non dell’anzianità ma del percorso di cura e all’indice di rischio di ognuno dei pazienti, a cominciare dai pazienti trapianti e in attesa di trapianto di midollo osseo.

Le somministrazioni sono andate avanti per tutta la mattinata.

Ieri sono stati vaccinati 54 pazienti e corrispettivi caregiver. Questa mattina, lunedì 5 aprile, si replica con gli stessi numeri. Si procederà in questo modo per tutta la settimana. Al momento l’elenco dei pazienti da sottoporre a vaccino conta 800 pazienti.

Il punto vaccinale allestito nell’Istituto tumori è organizzato con 4 postazioni, due riservati ai pazienti, due ai caregiver. Ai pazienti è stato somministrato il vaccino Pfizer, ai caregivers AstraZeneca. In servizio, 15 operatori sanitari fra in medici, infermieri, farmacisti, operatori socio-sanitari.

Il Commissario Straordinario Alessandro Delle Donne ha seguito personalmente le operazioni, anche per ottimizzare l’organizzazione per i prossimi giorni.

Da martedì, riprenderanno poi le vaccinazioni per il personale sanitario (medici di medicina generale, farmacisti, pediatri, veterinari ecc.): nelle prossime due settimane, saranno concluse le somministrazioni delle seconde dosi.

Per quanto riguarda la Asl BT, sono 265 i familiari e i caregiver conviventi dei minori di 16 anni con patologia grave che ieri al PalaAssi di Trani hanno ricevuto la prima dose di vaccino. La campagna straordinaria è programmata anche per domani mattina sempre a Trani. A guidare le operazioni è stata la dottoressa Patrizia Albrizio. Ha eseguito vaccinazioni insieme ai suoi collaboratori anche il dottor Riccardo Matera, Direttore del Dipartimento di Prevenzione della Asl Bt. Le vaccinazioni di oggi si aggiungono alle quasi 47mila vaccinazioni già eseguite fino a oggi.

In provincia di Foggia, con la somministrazione di 205 dosi, si è conclusa la prima giornata dedicata alla vaccinazione di genitori, tutori, affidatari, caregivers e familiari conviventi di minori con gravi disabilità. Operative, questa mattina, le squadre di vaccinatori di Foggia, Mattinata, Manfredonia, San Severo, Vico del Gargano, Vieste, Peschici.

Presente all’arrivo dei vaccini a Mattinata anche il direttore generale della ASL Foggia Vito Piazzolla che ha colto l’occasione per ribadire il suo ringraziamento a tutti gli operatori per lo straordinario lavoro svolto.

Le sedute di vaccinazioni straordinarie, dedicate ai caregivers e familiari conviventi di minori con grave patologia, proseguiranno domani nei comuni di: Foggia, San Severo, Lucera, Cagnano Varano, Vico del Gargano, Vieste, Torremaggiore, San Marco in Lamis, Troia, Candela, Monte Sant’Angelo, San Nicandro Garganico, Cerignola, San Giovanni Rotondo (nei distretti di Vico del Gargano e San Marco in Lamis le attività saranno svolte in collaborazione con i medici di medicina generale e pediatri di libera scelta).

Ad oggi sono state somministrate complessivamente, in provincia di Foggia, 108.608 dosi di cui 71.503 prime dosi e 37.104 seconde dosi; 28.200 persone ultraottantenni hanno ricevuto la prima dose di vaccino, 16. 894 anche la seconda. Cresce anche il dato relativo alle somministrazioni a persone di età compresa tra 70 e 79 anni: sono già 2.262 quelle che hanno ricevuto la prima dose di vaccino.

Nella ASL Lecce da ieri mattina, in 10 centri vaccinali della provincia, sono stati somministrati circa 600 vaccini ai caregiver e familiari conviventi di minori di 16 anni con grave disabilità. Le vaccinazioni proseguono nel pomeriggio e nella giornata di domani. Nell’ospedale di Gallipoli sono stati vaccinati i caregiver dei pazienti oncologici in cura presso il reparto del nosocomio.

Nella Asl di Brindisi ieri mattina sono state somministrate circa mille dosi ai caregiver e familiari conviventi di persone con gravi disabilità. Presente al PalaVinci anche il sindaco di Brindisi, Riccardo Rossi, che ha voluto ringraziare la Asl, il personale sanitario, amministrativo e la Protezione civile per lo sforzo organizzativo. Le vaccinazioni per i caregiver sono proseguite nel pomeriggio e sono in calendario anche oggi.

Così come programmato dall’Asl di Taranto, sono state avviate ieri mattina le vaccinazioni di caregiver e familiari conviventi degli under 16 anni e sono proseguite quelle degli over 80 a domicilio. Agli ultra ottantenni vulnerabili, a domicilio, sono state effettuate 200 dosi.

Mentre per i caregiver degli under 16 anni le somministrazioni effettuate sul territorio sono state: 160 a Taranto, 88 a Grottaglie, 80 a Massafra, 76 a Manduria, 68 a Martina Franca, 60 a Laterza.

Presso la sede vaccinale di Manduria si è recato il direttore generale, Stefano Rossi, il quale ha voluto ringraziare personalmente tutto il personale sanitario Asl impegnato, i volontari tutti, i cittadini che sensibilmente si sono presentati. A tal proposito, il direttore generale esorta tutti i caregiver, parenti e nonni di giovani con fragilità a presentarsi presso le sedi vaccinali, questo nell’interesse del minore fragile sia nell’interesse collettivo. Questa mattina le somministrazioni continueranno, non è prevista alcuna sosta.

DIDATTICA DELLE SCUOLE, L’ORDINANZA N. 102

Il presidente della Regione Puglia ha emanato l’ordinanza num. 102 “Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da covid19” che dispone:

“Con decorrenza dal 7 aprile e sino al 30 aprile l’attività didattica delle scuole di ogni ordine e grado si svolge in applicazione dell’articolo 2 del decreto-legge 1 aprile 2021 n.44 (Disposizioni urgenti per le attività scolastiche e didattiche  delle scuole di ogni ordine e grado). In applicazione della possibilità di deroga prevista nella seconda parte del comma 1 dell’articolo 2 del decreto-legge 1 aprile 2021 n.44, le istituzioni scolastiche della scuola primaria, della secondaria di primo grado, di secondo grado e CPIA devono garantire la didattica digitale integrata a tutti gli alunni le cui famiglie richiedano espressamente di adottarla, in luogo dell’attività in presenza. Tale scelta è esercitata una sola volta e per l’intero periodo di vigenza delle presenti disposizioni. Eventuali successive istanze modificative della scelta già effettuata sono rimesse alla motivata valutazione del Dirigente scolastico. Ove il collegamento non possa essere garantito immediatamente, ogni singolo istituto, nell’ambito della propria autonomia organizzativa, deve ricercare ogni altra modalità utile a consentire comunque l’attivazione della didattica digitale integrata, agli studenti le cui famiglie ne facciano richiesta”.