Centro storico in Fiore: premiati i vincitori

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

«Non abbiamo fatto nulla di straordinario, per noi prenderci cura della nostra gnostra è un fatto normale»

NOCI (BA) – È avvenuta ieri sera, 29 settembre, la premiazione dei vincitori del concorso “Centro storico in Fiore. Cultura Tradizione Natura”, indetto dall’Amministrazione comunale allo scopo di rendere sempre più accogliente la cittadina di Noci in occasione delle periodo estivo, quando turisti e visitatori si riversano nel nostro territorio per goderne le bellezze e le attrazioni.

«Quest’anno abbiamo apportato delle modifiche al regolamento del concorso – ha spiegato il Consigliere comunale delegato alla Cultura, Mariano Lippolis, che ha introdotto la serata. – In questo modo sono stati attributi 10 punti ogni 100 voti assegnati dalla giuria popolare a ciascuna installazione, cui è stato sommato il voto da 1 a 10 espresso da ciascun componente della Commissione. In secondo luogo abbiamo voluto dare a ciascun partecipante, come segno di riconoscimento per l’impegno, un piccolo omaggio. Anche le targhe sono cambiate: quest’anno sono state realizzate in ceramica decorata a mano, con l’auspicio che possano essere esposte nelle gnostre. Tutti gli ospiti che questa estate sono stati a Noci, protagonisti del ricco cartellone eventi “Noci Estate 2019”, hanno apprezzato e si sono complimentati per la pulizia e il decoro del nostro centro storico. So che ci sono dei problemi da risolvere, come per esempio quello della ZTL, che sarà attivata nei prossimi mesi, ma forse molti dei difetti che ci sforziamo di trovare noi residenti sono soltanto nei nostri occhi. Quello che ho potuto registrare in questi anni – ha concluso, – è che nessuna delle installazioni così come nessuna delle porte dipinte nell’ambito del concorso “Nux Erat” è stata vandalizzata, poiché la bellezza genera rispetto».

A fargli eco è stata Anna Gentile, food blogger e componente della Commissione giudicatrice, insieme alla Segretaria comunale Paola Gicovazzo (Presidente), Nicola Boccardi (architetto), Alessandra Pisciarino (vivaista) e Antonio Pastore (Yallers): «Sono innamorata di questa città e, quando con gli altri componenti della giuria abbiamo visitato i vicoli e le gnostre, mi sono soffermata sulla cura che gli abitanti ci mettono nel rendere il nostro centro storico sempre più bello. Ogni volta mi tornano i mente gli odori e i colori che conosco fin da quando ero bambina. Voglio solo rivolgervi un invito: non parlate male di Noci, perché non lo merita!».

«Questo concorso ha un valore simbolico, che serve a dare un riconoscimento a chi quotidianamente si prende cura del nostro centro storico – ha concluso il Sindaco, Domenico Nisi. – Quando nelle scorse settimane passeggiavo per i vicoli, ho pensato che sarebbe stato bello realizzare delle cartoline, che oggi stiamo donando a tutti coloro che hanno partecipato, da distribuire nelle nostre attività ricettive, così da invogliare, al tempo dei social, a tornare a prendere la penna in mano per scrivere un pensiero, per dire: sono stato questo bel posto. E sulle cartoline metterci proprio le foto degli spazi di cui vi prendete cura. Io credo che, al netto di alcuni problemi da risolvere, negli ultimi anni il nostro centro antico è davvero migliorato sotto un profilo estetico. Ora è partita la gara per le videocamere ai varchi, abbiamo individuato dei parcheggi da destinare ai residenti e stiamo, insomma, operando per migliorare sempre di più la vivibilità del nostro centro storico. Ringrazio tutti coloro che hanno deciso di partecipare al concorso – ha concluso il Sindaco, – i membri della giuria, gli uffici comunali e tutti coloro che si sono spesi per la buona riuscita di questa iniziativa».

Si è dunque passati alla premiazione. Sono stati 18 i partecipanti per la Categoria A (vicoli, gnostre, balconi, davanzali e terrazzi, facciate di palazzi), segno del fatto che i cittadini, singolarmente o in gruppi organizzati, hanno apprezzato l’iniziativa e hanno voglia di rinnovare il loro impegno per il decoro dei vicoli e delle caratteristiche gnostre del nostro borgo antico. A decretare i tre vincitori è stato, come già detto, il voto della Giuria popolare, che ha potuto votare dal 12 luglio fino all’8 settembre 2019, e quello della Commissione composta da 5 membri nominati dal Sindaco. Elementi di giudizio saranno l’abilità nell’inserire armoniosamente piante e fiori nel contesto dell’arredo urbano; l’originalità e la qualità artistica nella scelta dei decori e nel loro accostamento; la capacità di cooperare nella realizzazione della decorazione.

Ecco i tre finalisti:

• 1° classificato – Gnostra Largo Albanese (Rita Campanella e altri)
Riceve una targa del Comune di Noci in ceramica decorata a mano, un omaggio floreale per il valore di € 100,00 ed il contributo di € 300,00

• 2° classificato – Via Pedote 68/A (Vincenza Maria Ritella)
Riceve una targa del Comune di Noci in ceramica decorata a mano e un maggio floreale per il valore di € 100,00

• 3° classificato – Via Porta Putignano 37 (Teresa Fusillo)
Riceve una targa del Comune di Noci in ceramica decorata a mano

A tutti i partecipanti è stato consegnato un Attestato di partecipazione e un mazzetto di cartoline rappresentanti le 18 postazioni in gara. Segue la graduatoria.
• 4° posto: Via Piave (Teresa Tinelli)
• 5° posto: Gnostra via Santa Croce (Stefano Montanaro)
• 6° posto: Via Crocifisso 17 (Domenico Roberto)
• 7° posto: Via Santa croce 5 (Maria Anna Tateo)
• 8° posto: Via San Giovanni 42 (Grazia Castellana)
• 9° posto: Largo Albanese 45-46-47 (Vito Nicola Romanazzi Curci)
• 10° posto: Via Santa Croce 28 (Giovanna Schettini)
• 11° posto: Largo Albanese 53 (Marzia Liuzzi)
• 12° posto: Via Onofrio Marinuzzi 9 (Cosimo Parisi)
• 13° posto: Via Santa Croce 47 (Laura Mastropasqua)
• 14° posto: Via Pedote 30 (Paolo Morea)
• 15° posto: Via Pedote 96 (Giuseppina Fusillo)
• 16° posto: Via Spirito Santo 13 (Avis)
• 17° posto: Largo Torre (Francesca Romana Mastropasqua)
• 18° posto: Via Torre 13 (Antonia Tinelli)

Coloro che non erano presenti alla cerimonia, possono ritirare i premi rivolgendosi all’Ufficio Socio-Culturale del Comune (via Sansonetti, 2° piano).