Calcio Balilla paralimpico a Bitonto

5

duomo bitonto

BITONTO (BA) – Oggi l’attività sportiva rappresenta, per chiunque, un potente motore di crescita, aggregazione e socialità, aspetti che si definiscono in maniera più netta e consolidata anche per coloro i quali convivono con disabilità fisiche, psichiche o intellettivo-relazionali. Lo sport paralimpico, per i suoi valori veicolati, si configura essere importante motrice di inclusione sociale, necessaria per lo sviluppo fisico e mentale dei giovani, per l’acquisizione di autostima, fiducia in sé e regole con le quali approcciarsi in maniera sana e propositiva alla quotidianità.

Con l’intento di diffondere e far conoscere il Calcio Balilla, una delle discipline paralimpiche che narra questo messaggio in maniera inclusiva e attenta, è nata l’idea di portare all’interno delle scuole, poli formativi per eccellenza, una straordinaria iniziativa nata dalla collaborazione tra la Federazione Paralimpica Italiana Calcio Balilla (FPICB) e il Comitato Italiano Paralimpico (CIP) Puglia: il 12 marzo 2022, presso la Masseria Didattica “Lama Balice” a Bitonto verrà completato l’iter di formazione degli iscritti al Corso di Abilitazione per Tecnici Sportivi di I livello FPICB, attraverso un esame pratico che consentirà agli stessi di poter essere coinvolti attivamente come tecnici nel progetto cardine regionale “Scuola, Sport e Disabilità”, nato dalla condivisione di intenti e dalla collaborazione tra Regione Puglia, Ufficio Scolastico Regionale (USR) Puglia e CIP Puglia, con il coinvolgimento delle delegazioni regionali FISDIR, FPICB, FISPES, FIBa e FITET, la presenza del Presidente nazionale FPICB Francesco Bonanno e del Delegato Regionale FPICB Vito Sasanelli.

Ed è così che il Calcio Balilla sedimenterà le proprie radici nel territorio pugliese, attraverso la consegna di 15 tavoli da gioco che verranno distribuiti negli istituti scolastici coinvolti nel progetto.

A chiusura della giornata, una Conferenza Stampa in presenza della amministrazione comunale bitontina, dei Dirigenti Scolastici e delle cariche di rappresentanza delle federazioni partecipanti all’iniziativa.

Un evento che racchiude, in sé, la manifestazione concreta di fare rete sul territorio per istruire, formare e accogliere nuovi atleti e tecnici, al servizio dell’alto valore dello sport inclusivo.