“Le margherite gialle” di Elena Ciciolla, la presentazione a Bisceglie

2

L’evento si terrà domani, 14 ottobre presso la libreria Abbraccio alla Vita e sarà moderato da Antonia Guarini

BISCEGLIE – Domani, venerdì 14 ottobre 2022, dalle 18.45, presso la libreria Abbraccio alla Vita, sita in via XXIV Maggio, 44, a Bisceglie, si terrà la presentazione del volume dal titolo Le margherite gialle. La pazzia che alberga in noi a cura della psichiatra e psicoterapeuta Elena Ciciolla. Dialogherà con l’autrice Antonia Guarini, psicanalista. Il volume (2021), pubblicato dalla casa editrice Poiesis nell’ambito della collana i Calcari, è collocato nel ciclo di incontri letterari proposti dalla libreria biscegliese.

Il volume – Un drammatico intreccio tra il dolore altrui e il proprio. Tra la vita andata in frammenti dei pazienti e la propria: questo è il nucleo essenziale de Le margherite gialle. La pazzia che alberga in noi di Elena Ciciolla. L’autrice, di professione psichiatra, tenta con la scrittura di questo libro un’immersione totale nella vulnerabilità della condizione umana. Le storie qui narrate, riprese dalla sua pratica clinica, sono in tutti i sensi diverse: troviamo i cosiddetti “casi disperati” o quelli che inventano soluzioni ingegnose e divertenti ai loro deliri, o quelli purtroppo che si chiudono con il suicidio. Elena Ciciolla si può dire non faccia quasi niente per tenersi a distanza dai pazienti che cura. Tanto da ritrovarsi in un drammatico intreccio tra il dolore altrui e quello proprio. Una condizione che alla fine si rivela insopportabile e che l’autrice, però, invita a leggere, non nascondendosi ma provando a rivelare le ombre più profonde della malattia mentale che man mano le entrano sottopelle. E secondo una metafora che ritorna, l’autrice avverte: come una margherita gialla che si schiude verso il mondo dice la crudele fatica del vivere, così il suo colore a ogni nuova fioritura offre una possibilità di salvarci anche facendo i conti con il dolore.

L’autrice – Elena Ciciolla è nata a Bari nel 1962 da famiglia lucana. Si è laureata a 25 anni in Medicina e Chirurgia col massimo dei voti, si è poi specializzata in Psichiatria e quindi si è formata come psicoterapeuta individuale e di gruppo con orientamento psicoanalitico. Da 30 anni lavora in un Servizio pubblico di Salute mentale.