Barletta, riprendono i lavori di adeguamento dell’ex mercato ittico a sede della Capitaneria di Porto

I lavori riprenderanno lunedì

BARLETTA – Riprenderanno da lunedì 18 gennaio, da parte della ditta incaricata, i lavori di recupero, riqualificazione e adeguamento dell’ex mercato ittico di via Cristoforo Colombo, da destinare a sede della Capitaneria di Porto di Barletta. La Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio per le province di Bari, Barletta Andria Trani e Foggia ha infatti revocato l’ordinanza di sospensione delle attività risalente allo scorso 28 ottobre e autorizzato l’esecuzione delle opere previste in variante (interventi sulla copertura dell’edificio esistente per garantire maggiore luminosità e areazione agli ambienti sottostanti).
Eseguite le operazioni preliminari di verifica dell’allestimento del cantiere, i lavori proseguiranno con la realizzazione del soppalco metallico previa esecuzione dei relativi scavi e opere di fondazione.
Oltre all’Alta sorveglianza della Soprintendenza Belle Arti e Paesaggio è prevista anche la sorveglianza archeologica degli scavi su cui relazionare alla Sovrintendenza per i Beni Archeologici di Taranto.
Questi interventi, riguardanti il primo stralcio funzionale del progetto definitivo della nuova Capitaneria, di complessivi 480.000,00 euro sono finanziati con risorse della Provincia di Barletta Andria Trani per € 150.000 e risorse del civico bilancio per € 330.000. La progettazione è stata elaborata a cura del Settore Manutenzioni comunale in collaborazione con la Direzione Marittima di Bari del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.
Per quanto riguarda il secondo stralcio funzionale, interamente finanziato con risorse dell’Amministrazione per 270.000,00 euro, sono in corso le procedure per l’affidamento dell’incarico professionale della progettazione esecutiva per i lavori funzionali ad attrezzare i locali da destinare a uffici e foresteria, e completare il recupero delle facciate esterne e gli impianti tecnologici, da avviare in concomitanza alla conclusione, prevista per aprile, del primo stralcio.