Barletta, “Puttilli”: consegnati i lavori

12

consegna lavori 'puttilli'

240 giorni per riconsegnare lo stadio alla città

BARLETTA – Il cantiere è stato consegnato all’impresa e i lavori possono cominciare. Da questo momento in poi parte una sorta di conto alla rovescia perché entro 240 giorni l’impresa, la Terralavoro, dovrà completare l’opera che consentirà di tornare alla piena fruizione dello stadio comunale “Puttilli” di Barletta.
A spiegare di che tipo di intervento si tratterà ci ha pensato stamani, sul posto, il direttore dei lavori, l’ingegnere Ignazio Sanseverino. “Si tratta di lavori di diversa natura – ha detto – ci saranno interventi per gli spalti, operazioni di manutenzione all’interno degli spogliatoi, la recinzione sul lato nord mentre, sull’altro lato, dove ora ci sono i cumuli di terra che il comune dovrà rimuovere, saranno completate le gabbionate (muri di contenimento)”. L’impresa, intanto, sta predisponendo un piano operativo per cominciare a operare sin da subito, ha garantito Sanseverino.

Alla sigla che ha sancito l’avvio del cantiere oltre al sindaco di Barletta Cosimo Cannito e al responsabile dell’omonima ditta che li eseguirà, la Terralavoro, erano presenti, fra gli altri, gli assessori allo Sport Michele Lasala, ai Lavori pubblici Gennaro Calabrese, il direttore tecnico di Sport & Salute, ingegnere Valerio Petrinca che ha siglato la consegna insieme al dirigente comunale dei Lavori pubblici Donato Lamacchia, e il coordinatore della sicurezza, ingegnere Nicola Gaudio.

Arrivare a oggi è un bel risultato e questo è un momento importante perché non è stato semplice arrivarci”, ha detto il sindaco Cannito. “I lavori stanno iniziando – ha aggiunto il primo cittadino – e noi vigileremo perché il loro andamento sia celere e non vi siano intoppi e rallentamenti, mi aspetto, dall’altra parte, che si lavori alla costruzione di una società sportiva e di una squadra che, tornando ad allenarsi e a giocare nel nostro stadio, possa dare alle attese della città, degli sportivi e dei tifosi la giusta risposta”.