Barletta, “Ius soli”: le modalità

52

comune di Barletta Andria Trani logo

Ecco i dettagli

BARLETTA – La locale Amministrazione ha introdotto nell’Ordinamento comunale l’istituto della Cittadinanza Civica “Ius Soli” volto a promuovere l’uguaglianza tra persone di origine straniera e italiana che sono nate in Italia e vivono, crescono e lavorano nella città di Barletta.

Lo “Ius Soli” è un riconoscimento “simbolico” della cittadinanza civica ai minori (da 6 a 18 anni) che frequentano o hanno frequentato la scuola dell’obbligo, nati in Italia da genitori entrambi cittadini stranieri che risiedono nel Comune di Barletta ma non sono in possesso della cittadinanza italiana.

Il riconoscimento, che sarà consegnato nell’ambito di una cerimonia con modalità rispettose della privacy e dei diritti del minore, consiste in un attestato recante lo stemma comunale, la dicitura “Cittadinanza civica Ius Soli”, il nome e cognome dell’interessato, la sua data e il luogo di nascita.

I conferimenti della cittadinanza civica avverranno in occasione della prossima Giornata Nazionale della Costituzione e dell’Inno e della Bandiera.

I genitori o chi ha la tutela legale del minore dovranno sottoscrivere la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (scaricabile del sito istituzionale www.comune.barletta.bt.it ) contenente anche l’assenso al trattamento dei dati e consegnarla e/o trasmetterla entro il 10 marzo 2018 al dott. Giuseppe Michele Deluca (Responsabile del procedimento e dei Servizi Demografici del Comune di Barletta) telefono 088351671, fax 0883516710, email: giuseppemichele.deluca@comune.barletta.bt.it, PEC: demografici@cert.comune.bar1etta.bt.it