Barletta, “Il progetto Batinovation ha ripreso il suo percorso”

36

Lo ha dichiarato l’assessore Gammarota

comune di Barletta Andria Trani logoBARLETTA – Il Progetto BATinnovation ha ripreso il suo percorso dopo lo stop che ha riguardato tutti i progetti finanziati nell’ambito dell’intervento regionale “Patti per le Città”. Una sospensione durata 9 mesi, fino a dicembre scorso quando la Regione ha comunicato alle diverse città candidate la possibilità di riprenderne le attività. Il Comune di Barletta ha dato impulso al progetto anche con la sottoscrizione, proprio in queste ore, della convenzione con il Politecnico di Bari, dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell’Informazione, per il supporto tecnico scientifico alla progettazione e realizzazione degli interventi progettuali propedeutici alla definizione puntuale, con procedura a evidenza pubblica, della fornitura dei relativi servizi.

Il Comune sta assolvendo al suo ruolo di capofila del progetto BATinnovation assumendosi la responsabilità di portare a conclusione il progetto nonostante le incognite della finanziaria 2016, credendo fortemente insieme alla Regione Puglia, nella opportunità di utilizzare le risorse della nuova programmazione regionale 2014-2020 per realizzarlo – afferma l’assessore con delega alle Smart City, Giuseppe Gammarota – sulla base dell’esito dell’incontro di una settimana fa con il dirigente del Servizio Innovazione della Regione Puglia. Già all’inizio dell’anno il gruppo intercomunale di lavoro si era riunito decidendo, nonostante le incertezze sulle disponibilità delle risorse rivenienti dal Piano di Azione e Coesione (PAC), di portare avanti il progetto e di farlo, appunto, con il supporto scientifico del Politecnico di Bari con il quale è stato poi definito e sottoscritto lo schema di convenzione. L’Amministrazione di Barletta persegue il progetto BATinnovation insieme alla Regione Puglia per realizzarlo nell’interesse delle tre comunità locali co-capoluogo nei modi e nei tempi concordati al fine di valorizzare i centri storici di Barletta Andria e Trani che costituiscono una preziosa risorsa per l’intero territorio”.