Barletta, il 25 aprile solenni festeggiamenti in onore della Madonna di Canne e S.Ruggero Vescovo

8

Barletta, all’ombra del Patrono San Ruggiero, Canne della Battaglia riscopre l’antica devozione alla Madonna di Canne

BARLETTA – Si festeggerà il prossimo 25 aprile presso la Parrocchia-Santuario di San Ruggero situata in località Boccuta di Canne della Battaglia, il 746° anniversario – 1276 – 2022 – della traslazione delle spoglie di S.Ruggero Vescovo da Canne della Battaglia a Barletta, i solenni festeggiamenti riguarderanno anche la Madonna di Canne, un occasione per riscoprire l’antica e secolare devozione del popolo cannese, un occasione per il nostro territorio per riscoprire e altresì rivivere la storia che ha portato il Co-Patrono della città di Barletta sulla vie della nostra città.

«Anche a Canne come in tutte le località c’era una Madonna, noi non l’abbiamo trovata per cui ci affideremo alla fantasia del pittore e avremo la Madonna di Canne…», parlava così padre Virgilio – fondatore del Santuario di San Ruggero – nel lontano 1985 alla Gazzetta del Mezzogiorno dinanzi al giornalista Giuliano Rotunno, il dipinto che in origine doveva essere realizzato dal pittore barlettano Michele Chieco fu realizzato poi nel 1991 dall’artista andriese Carmine Conversano.

Un occasione quella del prossimo 25 aprile per ricordare soprattutto l’antico legame che i barlettani da sempre hanno con il loro Patrono San Ruggero, legenda vuole che in quel lontano 1276 dopo una lunga disputa con i canosini «… le ossa del Santo furono messe su un carro trainato da buoi, e fu lasciata a quest’ultimi la libertà di scegliere la strada da prendere, il quale dopo aver preso in un primo momento la via per Canosa virarono improvvisamente verso la città di Barletta. Il carro poi non si fermò davanti alla chiesa di Santa Maria Maggiore, ma bensì proseguì fino alla chiesa di Santo Stefano dinanzi a cui o per stanchezza o per volere divino si inginocchiarono».

I festeggiamenti prenderanno il via nella giornata di domenica 24 aprile con la Santa Messa delle ore 11 cui farà seguito presso “l’Oasi della Pace” la benedizione della statua dell’Immacolata, il culmine quindi nella giornata del 25 aprile, quando dopo la messa delle 11, alle ore 12 seguirà la processione con le effigi della Madonna di Canne e di San Ruggero cui seguirà un momento di fraternità.

In tal senso un plauso all’amministratore parrocchiale don Francesco Scommegna per aver ridato luce a questo momento di fede e altresì storico per il nostro territorio:«… festeggiare la Madonna di Canne significa ricordare l’antica devozione che il popolo di Canne aveva verso la Madre di Gesù, ma soprattutto è un momento per ricordare anche il secolare legame che il popolo di Barletta ha nei confronti del suo Patrono, San Ruggero. Invito quanti vorranno vivere questo momento che fonde fede e storia a vivere un 25 aprile diverso qui a Canne della Battaglia presso il Santuario di San Ruggero…».