Bari, stabilite le modalità per l’accettazione delle Disposizioni Anticipate di Trattamento (DAT)

138

logo Bari

Tomasicchio: “Così facendo ci dotiamo di uno strumento che garantisce la libertà e la dignità di ognuno”

BARI – Il direttore della ripartizione Servizi Demografici, Elettorali e Statistici ha emesso una circolare interna in cui si definiscono le modalità di servizio per l’accettazione delle Disposizioni anticipate di trattamento (DAT), come previsto dalla Legge n.219 del 22 Dicembre 2017

La circolare stabilisce che, nelle more di eventuali disposizioni attuative del Ministero degli Interni e del Servizio Sanitario Regionale, al fine dell’inserimento nel Fascicolo Sanitario Elettronico:

· i cittadini che ritengano di consegnare personalmente le Disposizioni Anticipate di Trattamento (DAT) di cui all’art. 4 della Legge n.219/2017, sono tenuti a prenotare telefonicamente all’URP della ripartizione Servizi Demografici (080.5238335-080.5239746) un appuntamento con l’Ufficiale dello Stato Civile responsabile della presa in consegna. Lo sportello dedicato a tale attività è ubicato esclusivamente presso la sede centrale della ripartizione in corso Vittorio Veneto 4.

· l’Ufficiale dello Stato Civile, nel ricevere le DAT del cittadino, si astiene dall’effettuare valutazioni, controlli o verifiche sul contenuto delle medesime, limitandosi esclusivamente ad identificare il cittadino verificando la corrispondenza tra il sottoscrittore e colui che si presenta allo sportello;

· nel caso in cui sussista tale corrispondenza, l’Ufficiale di Stato Civile provvede alla sottoscrizione per mera presa in consegna delle DAT, rilasciandone copia al cittadino; provvede, quindi, all’inserimento delle DAT in busta chiusa alla POS Stato Civile che curerà gli adempimenti conseguenti.

Anche la nostra città si organizza per istituire uno sportello dedicato all’accettazione delle DAT – commenta l’assessore al ramo AngeloTomasicchio -. Siamo pronti ad istituire il registro per la raccolta ma attendiamo le circolari ministeriali e la messa in opera del fascicolo sanitario elettronico. Da subito, ad ogni modo, forniremo tutte le informazioni utili e inizieremo ad accettare le DAT dei cittadini. Come già accaduto per le unioni civili e le separazioni e i divorzi brevi, ci siamo attivati per dotarci di un nuovo importante strumento che garantisce la dignità delle persone e la libertà di scelta di ognuno”.