Bari, pronto il progetto esecutivo per la riqualificazione di largo Giordano Bruno

76

Allo studio la pedonalizzazione di via De Nicolò

logo BariBARI – Questa mattina il sindaco Antonio Decaro e l’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso hanno preso visione delle tavole progettuali per la riqualificazione di largo Giordano Bruno, su cui gli uffici comunali hanno già ottenuto il parere positivo della Soprintendenza.

Secondo lo studio di fattibilità redatto dalla ripartizione IVOP, il rifacimento della piazza sarà realizzato in base alle linee guida già adottate per la progettazione degli altri giardini che si affacciano sul lungomare di Crollalanza. Il progetto prevede la conservazione e il recupero dell’attuale conformazione delle tre aiuole che costituiscono il giardino, il mantenimento della forma curvilinea della zona centrale del largo e il ripristino delle siepi di pitosforo lungo le aiuole centrali, oltre che della siepe anulare di pitosforo in quanto elemento caratterizzante del giardino classico. Saranno inoltre piantumati 14 nuovi alberi, tra cui il carrubo e il terebinto.

La nuova pavimentazione centrale sarà composta da ghiaino di colore chiaro legato con resine bicomponenti tipo Edekor Pave System, posato su un sottofondo costituito da un massetto di cemento e rete elettrosaldata. Mentre in sostituzione dei pietrini di cemento, dei marciapiedi e dell’asfalto che delimitano il giardino sarà posato un basolato di pietra calcarea di trani bocciardata con forma e dimensioni variabili. Infine, il progetto prevede l’installazione di elementi di arredo urbano, come panchine e cestini per i rifiuti, e di un nuovo impianto di illuminazione.

L’importo dei lavori ammonta complessivamente a 270mila euro, fondi già stanziati dal Municipio I.

Durante l’incontro di oggi, in vista della gara per la realizzazione dei lavori, è stata presa in considerazione la soluzione progettuale che prevede la chiusura al traffico di via De Nicolò nel tratto che costeggia il giardino, come proposto e deliberato dall’assemblea municipale. In questo caso si potrebbe optare per una soluzione che prevede la pedonalizzazione totale della strada con una pavimentazione similare a quella utilizzata per largo Adua o per una parziale apertura al traffico della strada con una pavimentazione in cubetti di porfido (sanpietrini) o di asfalto stampato.

Entro la fine del mandato vogliamo avviare la riqualificazione di tutte le piazze che si affacciano sul lungomare Di Crollalanza – spiega il sindaco Decaro -, e su largo Giordano Bruno abbiamo già la progettazione esecutiva. Stiamo valutando le richieste di pedonalizzazione proposte dai residenti e da alcuni commercianti del quartiere in modo da progettare parallelamente la viabilità complessiva dell’area e avviare i lavori per la realizzazione dell’opera con l’idea definitiva. Con la pedonalizzazione di questa strada potrebbe venir meno la chiusura al traffico della seconda traversa di largo Adua. Nelle prossime settimane incontreremo i commercianti di via Bozzi che, dopo le esperienze positive di alcune manifestazioni realizzate durante le festività natalizie, intendono proporre una chiusura sperimentale della strada. Il quartiere Madonnella, già oggi molto frequentato, diventerebbe così meta non solo di ragazzi ma anche di famiglie e potenziali clienti per le attività commerciali”.