Bari, pronto il progetto per un nuovo centro di raccolta differenziata dei rifiuti a Catino

39

Microsoft PowerPoint - CCR Bari Catino rev.pptx

Petruzzelli: “Per la prima volta apriamo anche alle attività commerciali. Con questi strumenti offriamo una possibilità in più per differenziare”

BARI – È pronto per essere sottoposto all’attenzione della giunta il progetto esecutivo per la realizzazione di un Centro comunale di raccolta differenziata di rifiuti (CCR) a Catino, nel Municipio V, che il Comune di Bari candiderà al bando regionale “Avviso per la selezione di interventi finalizzati alla realizzazione o all’ampliamento e/o all’adeguamento di centri comunali raccolta differenziati di rifiuti” (P.O.R. PUGLIA 2014-2020 ASSE VI – Azione 6.1).

Il progetto, redatto da un professionista esterno su incarico di Amiu Puglia, riguarda la costruzione di un’area attrezzata nel quartiere, in una zona attualmente libera, servita da una viabilità adeguata all’accesso sia delle autovetture degli utenti sia dei mezzi pesanti che si occupano del conferimento negli impianti di recupero o smaltimento.

Si tratta di una struttura complementare ai servizi di raccolta rifiuti che consentirà di mettere a disposizione degli utenti spazi attrezzati per la raccolta di alcune tipologie di rifiuti solidi urbani che, per caratteristiche merceologiche (rifiuti elettronici, contenitori contenenti residui di sostanze pericolose, ecc.), dimensioni (rifiuti ingombranti in ferro, legno, ecc.) e consistenza dei flussi intercettabili (produzioni estemporanee di lattine, barattoli in acciaio, ecc..), necessitano di punti di conferimento appositamente allestiti. Allo stesso tempo permetterà di integrare e completare la gamma delle prestazioni offerte ai cittadini ampliando la possibilità di usufruire del servizio pubblico anche a coloro che hanno difficoltà di accesso a servizi di raccolta di tipo stradale (cassonetti) o domiciliare (porta a porta, a chiamata, ecc.) per via degli orari di conferimento, della loro residenza o per altre ragioni.

La zona di conferimento potrà contare su un’area parcheggio, predisposta con posteggi per motocicli e per auto, una parte dei quali dedicata agli utenti disabili. Dall’ara parcheggio si snoderanno percorsi pedonali totalmente privi di barriere architettoniche, che collegheranno l’area di sosta con i punti di conferimento dei rifiuti.

L’intera struttura sarà realizzata in ossequio ai principi di efficientamento energetico, con soluzioni tecniche di edilizia sostenibile per gli uffici del personale operativo, e di energia rinnovabile, con l’installazione di pannelli solari sulla tettoia del punto di conferimento, e dotata di impianto di illuminazione a led e di un sistema di captazione e trattamento delle acque meteoriche di dilavamento e di prima pioggia.

Avrà al suo interno due distinte aree, una dedicata alla gestione dei rifiuti da raccolta differenziata e una destinata a percorsi di sensibilizzazione per la riduzione della produzione dei rifiuti e per la promozione della cultura del riuso, con un’aula didattica dove ospitare incontri inerenti i temi ambientali e una serie di attività partecipate pensate per promuovere legami sociali e competenze tecniche, quali ad esempio la ciclofficina o il laboratorio di recupero e riparazione di piccoli elettrodomestici e dispositivi tecnologici.

L’area dedicata alla gestione dei rifiuti sarà attrezzata con:

· press container per imballaggi misti

· press container per imballaggi in carta e cartone

· container per rifiuti di carta e cartone

· container rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche

· container inerti da piccole demolizioni

· container sfalci e potature

· container ingombranti

· container imballaggi in vetro

· raccoglitori abiti e prodotti tessili

· contenitore a tenuta per batterie e accumulatori

· contenitore a tenuta T/FC

· contenitore a tenuta oli e grassi commestibili

· contenitore a tenuta frazione organica umida

Un’importante novità riguarda la possibilità, prevista per la prima volta per le utenze commerciali, di conferire presso il nuovo centro i rifiuti urbani. A differenza dei centri di raccolta già attivi sul territorio comunale, il centro di Catino sarà aperto tutti i giorni – dal lunedì alla domenica – dalle ore 9 alle 18, a differenza degli altri 5 centri comunali.

La scelta di candidare la realizzazione di questo centro al bando regionale – dichiara l’assessore all’ambiente Pietro Petruzzelli – nasce dalla volontà di rispondere alle esigenze dei residenti nei quartieri a nord della città, i primi a sperimentare con grande successo il porta a porta, che da tempo chiedono di poter contare su una struttura di raccolta delle diverse tipologie di rifiuti urbani. Per questo abbiamo immaginato, in accordo con Amiu Puglia, di dar vita a un nuovo spazio aperto non solo ai cittadini ma, per la prima volta, anche alle attività commerciali, prevedendo inoltre un orario di apertura molto più ampio che contempla anche l’apertura domenicale. La portata ulteriore di questo progetto sta nel configurarsi non solo come uno spazio per il recupero di materiali di ogni sorta ma anche come un luogo aperto a tutti in cui toccare con mano il valore di una nuova attenzione ai temi del riciclo e della tutela ambientale. Oggi, nella sede del Municipio V, si è tenuto il primo di una serie di incontri con gli stakeholder del territorio finalizzati a condividere gli obiettivi e i vantaggi del progetto, mentre nei prossimi giorni ci confronteremo con associazioni e comitati cittadini“.

I centri di conferimento – commenta il presidente di Amiu Puglia Sabino Persichella – rappresentano una valvola di sfogo per servizio di raccolta. Consentono anche ai cittadini delle zone porta a porta di liberarsi quotidianamente dei rifiuti e a tutti i baresi di poter conferire correttamente rifiuti ingombranti, RAEE, toner esausti. È per questo motivo che con l’amministrazione comunale ci siamo dati l’obiettivo di aumentarne il numero ed è per incentivarne l’utilizzo che anche quest’anno Amiu ha rinnovato il concorso ‘Chi differenzia ci guadagna’, tramite il quale chi porta i propri rifiuti ai centri di raccolta ottiene dei buoni acquisto da poter spendere in attività convenzionate“.