Bari, muro perimetrale Caserma Rossani su corso Benedetto Croce

2

lonely planet bari, nella top ten europea

La Soprintendenza risponde positivamente alla richiesta di abbattimento parziale del muro

BARI – È di queste ore la comunicazione della Soprintendenza Archeologica delle Belle arti e del Paesaggio che accoglie la richiesta avanzata dal Comune di Bari e dai cittadini sulla possibilità di eliminazione del muro perimetrale – lato corso Benedetto Croce – del sito della ex Caserma Rossani nella parte che delimita il nuovo parco realizzato.

In particolare la Soprintendenza ha formalizzato la disponibilità ad esaminare un progetto che prevede l’abbattimento di circa il 50% della metratura, lunga circa 70 metri, e la contestuale sostituzione con recinzione trasparente con disegno semplice, analoga a quella esistente su via De Bellis.

Sono attualmente sedici i quadrati di muratura di recinzione che si interpongono tra i pilastri esistenti ben visibili sul paramento interno. Di questi, otto, divisi in due blocchi da quattro, contrapposti fra loro rispetto al cancello di ingresso prospiciente via Pisanelli, potranno essere abbattuti e sostituiti da recinzione. Resteranno in piedi quelli contigui alle colonne che delimitano le due aperture presenti su via Benedetto Croce, quella storica in prossimità dell’Urban centre e quella nuova fronte via Pisanelli, i due posti all’estremità, a ridosso dell’edificio esistente privato, e i tre prossimi all’incrocio con via De Bellis.

Con l’abbattimento della prima porzione di muro, qualche anno fa, sul lato dove oggi c’è l’ingresso dell’Urban centre è cominciata una nuova storia per la Caserma Rossani – commenta il sindaco Decaro –. Oggi, con questa nuova apertura, per cui ringrazio la Soprintendenza, proseguiamo con un nuovo capitolo di quel libro che in questi anni ha visto nascere un parco urbano, lavori di riqualificazione e restauro di due edifici importanti e, a seguire, tante nuove progettazioni. In questi anni, nonostante i lavori fossero terminati, abbiamo continuato sempre ad ascoltare i cittadini e i comitati perché pensavamo fosse importante vivere la percezione dei cittadini rispetto ad un luogo che pian piano si mostrava a loro. Di qui è nata la richiesta di eliminare, seppur in parte, il muro di corso Benedetto Croce che in qualche modo continuava a rappresentare, anche se solo simbolicamente, l’impossibilità per i cittadini di accedere al parco liberamente e totalmente. Oggi siamo felici di aver ascoltato e supportato questa richiesta e cercheremo in tutti i modi di realizzare l’intervento in tempo per l’apertura del nuovo parco, di fatto terminato“.

Si tratta di una trasformazione importante che consentirà un’ampia visuale prospettica del nuova parco realizzato da via Benedetto Croce – spiega l’assessore Galasso – e contemporaneamente permetterà di salvaguardare la presenza di un muro storico che, tra le altre cose, tutela lo stato dei luoghi visto il dislivello che esiste tra il parco e il marciapiede stradale. Questo è certamente un riscontro positivo che arriva al termine di un lungo percorso che abbiamo portato avanti insieme ai cittadini e che in qualche modo restituisce in maniera ancora più concreta la nuova area dell’ex Caserma Rossani alla città. Già nelle prossime settimane gli uffici comunali saranno al lavoro per mettere a punto il progetto definitivo da presentare alla Soprintendenza“.