Bari, in funzione il nuovo impianto di pubblica illuminazione in via Ascianghi nel Municipio III

2

in funzione il nuovo impianto di pubblica illuminazione in via ascianghi nel municipio

BARI – L’assessore ai Lavori pubblici Giuseppe Galasso rende noto che dalla serata di martedì 16 è funzionante il nuovo impianto di pubblica illuminazione in via Ascianghi, la strada che collega viale Europa con via Laricchia e via Bruno Buozzi nel territorio del Municipio III. Infatti, al netto del montaggio di pochi ultimi corpi illuminanti, sono state avviate le operazioni di prova con prima accensione e mantenimento in esercizio per testarne il corretto funzionamento.

Il nuovo impianto ha riguardato l’esecuzione di una nuova linea di pubblica illuminazione lunga 910 metri, su cui verranno installati complessivamente 39 corpi illuminanti con tecnologia led, rispettivamente 30 con potenza da 80watt e 9 con potenza da 69 watt, tutti con luce bianca distribuita omogeneamente secondo i nuovi standard adottati ormai da alcuni anni dal Comune per tutti gli impianti di pubblica illuminazione.

L’intervento, dal costo complessivo di 300mila euro, si completerà con l’installazione di 8 telecamere di videosorveglianza come previsto dal progetto.

Via Ascianghi, ad eccezione di un brevissimo tratto, era una strada completamente buia che abbiamo finalmente illuminato rispondendo a una richiesta forte dei residenti e dei fruitori – commenta Giuseppe Galasso –. Peraltro, a causa della mancanza di illuminazione, nel tempo quest’area è diventata una sorta di discarica a cielo aperto dove i soliti incivili hanno ripetutamente abbandonato enormi quantità di rifiuti di ogni tipo. Un problema atavico che riteniamo di risolvere definitivamente non solo attraverso la nuova illuminazione ma anche grazie alle telecamere del sistema di videosorveglianza, che ci consentiranno di individuare più facilmente i responsabili di tali reati, sottraendo così questi luoghi dal novero di quelli frequentemente utilizzati per abbandonare illegittimamente ingombranti, elettrodomestici pneumatici e rifiuti di ogni genere da parte di chi si ostina ancora ad evitare le corrette modalità di conferimento e smaltimento dei rifiuti“.