Bari Guest Card: questa mattina l’incontro con gli operatori culturali e gli amministratori della città metropolitana

41

L’incontro si è tenuto a Palazzo di Città

incontro bari guest cardBARI – Si è tenuto questa mattina, nella sala giunta di Palazzo di Città, l’incontro convocato dall’assessore alle Culture Silvio Maselli per condividere con gli operatori culturali, i gestori e proprietari di beni culturali di ambito metropolitano e gli amministratori dei Comuni della Città metropolitana la strategia e gli obiettivi della Bari Guest Card. Ad illustrare il progetto esecutivo i rappresentanti dell’ATI aggiudicataria – composta da Links management and technology di Lecce, Promo P.A. Fondazione, Ricerca, Alta formazione e Progetti di Roma e Space di Lucca – impegnata nel completamento del sistema integrato della Bari Guest Card che sarà pronto per il prossimo mese di novembre, con la messa in esercizio e il testing delle piattaforma BGC (Pass Culturale Elettronico e Guida Elettronica) e dei servizi della componente Smart Culture.

Fin dal primo momento abbiamo immaginato la Bari Guest Card affinché fosse declinabile sul livello metropolitano – ha dichiarato Silvio Maselli in apertura – consapevoli che oggi, per competere sul piano internazionale nel campo dell’offerta turistica e della valorizzazione culturale, si debba necessariamente ragionare in termini di area vasta. Le città possono competere ad attrarre di flussi turistici significativi solo se dispongono di un’offerta integrata nella quale il patrimonio complessivo, le attività culturali e le attrattive turistiche pure siano capaci di dialogare. Nonostante la straordinaria crescita registrata dalla nostra regione negli ultimi anni, grazie all’impegno profuso dalle agenzie regionali, prima fra tutte Puglia Promozione, la città di Bari con la sua area metropolitana fatica ancora ad affermarsi come meta autonoma: benché da anni sia la località pugliese con il maggior numero di arrivi, sconta ancora un gap significativo in termini di presenze. Che è quello che vogliamo tentare di colmare facendo della città capoluogo una city break destination , con una strategia complessiva nella quale la Bari Guest Card giocherà ruolo fondamentale, a patto che tutti voi, operatori e amministratori locali, vogliate condividere nelle prossime settimane con noi i passaggi necessari relativi alla messa a punto della piattaforma e agli snodi del capitolato per la gestione che andrà in gara in autunno. Il nostro obiettivo è raggiungere entro il 2019 il risultato di almeno tre notti dormite nella nostra città, un traguardo assolutamente alla portata se lavoreremo insieme. La vostra partecipazione attiva a questo percorso è la garanzia della riuscita della nostra intera strategia”.

Al termine dell’intervento dell’assessore i rappresentanti dell’ATI hanno illustrato ai presenti l’infrastruttura tecnologica e i servizi che a regime saranno assicurati dalla Bari Guest Card, programmando un calendario di incontri singoli utili a mettere a fuoco il percorso che porterà al completamento del sistema – materiale e immateriale – e alla redazione del capitolato per l’individuazione del soggetto gestore.