Bari, emergenza Coronavirus: prosegue a distanza il servizio di sostegno ai futuri e ai neogenitori più fragili promosso dal Welfare e realizzato da Save the Children e dall’associazione Il Melograno

21

prosegue a distanza il programma di sostegno per neogenitori in difficoltà - locandina

I dettagli

BARI – È in corso il programma di sostegno a distanza alle donne in gravidanza, ai neogenitori e alle famiglie con bambini d’età tra 0 e i 2 anni grazie alla collaborazione con Save the Children e l’associazione Il Melograno – Centro Informazione Maternità e Nascita. Dunque, l’iniziativa rivolta alle famiglie e ai nuclei più fragili proseguirà in questi giorni attraverso consulenze telefoniche e video-conferenze condotte dagli operatori della sezione locale dell’organizzazione per offrire supporto ostetrico, psicologico ed emotivo.

Questo intervento specifico rientra nel progetto “Fiocchi in Ospedale Bari”, un servizio a bassa soglia svolto da Save the Children all’interno delle strutture ospedaliere con l’obiettivo di ascoltare, accompagnare e garantire il sostegno di cui hanno bisogno ai futuri e ai neogenitori in condizione di fragilità socio-economica e marginalità, e prevenire e affrontare il disagio psicologico delle mamme prima e dopo il parto.

L’azione si colloca nell’ambito del più ampio intervento “Non da soli” di Save the Children, pensato per rispondere all’emergenza da diffusione del Covid 19 e che nelle ultime settimane ha infatti raggiunto 20.000 persone, tra bambini, adolescenti, famiglie vulnerabili e docenti, lavorando costantemente, nel rispetto delle norme, attraverso i suoi progetti e con una rete di 41 associazioni partner sul territorio italiano.

Nonostante la distanza fisica che siamo tenuti a mantenere, intendiamo restare accanto a quanti si trovano a vivere la maternità e la paternità in condizioni di difficoltà ulteriori rispetto agli altri – ha dichiarato l’assessora al Welfare Francesca Bottalico -. Per questo ringrazio Save the Children e l’associazione Il Melograno, che continuano a dedicarsi con grande professionalità a coloro che, in un momento così difficile, rischiano di vivere nel peggiore dei modi un periodo meraviglioso come la nascita di un figlio“.

Futuri e neogenitori sono una categoria di persone sottoposta a uno “stress da innovazione” non trascurabile – ha affermato Agnese Curri, referente pugliese dei programmi di Save the Children – che può portare, specie se aggravato da condizioni di fragilità e di isolamento, come quelli che stiamo vivendo, a forti alterazioni delle relazioni intrafamiliari. Ciò rischia di accentuare una condizione di ansia e disorientamento, che spesso non trovano una risposta adeguata e tempestiva“.

Il servizio è rivolto a tutti/e i cittadini/e della città: per usufruirne bisogna contattare gli operatori chiamando i numeri 342 7324254 e 329 1856039, il lunedì e il giovedì, dalle ore 10 alle 12.

Per sostenere i genitori, i nonni e le altre figure familiari di riferimento nel compito educativo e di cura, prima e dopo la nascita del bambino, in questi giorni gli operatori sono impegnati a contattare, telefonicamente o via chat, le mamme già seguite dal progetto o indicate dai referenti ospedalieri e/o dei servizi territoriali in questa fase di particolare stress del servizio sanitario per orientarle ai servizi disponibili, supportarle emotivamente, chiarire dubbi e perplessità; a potenziare il sostegno materiale alle famiglie in condizioni di povertà estrema la cui vulnerabilità è stata ulteriormente accentuata dalla emergenza sanitaria, attraverso voucher, buoni spesa, e sostegno individualizzato; a produrre e diffondere informazioni sulla gravidanza (movimento e alimentazione), il travaglio, il parto, l’allattamento e sulle azioni di cura utili a lenire i disturbi della primissima infanzia; a offrire, infine, consulenza telefonica specialistica (legale, sociale, ostetrica, linguistica).