Bari, approvata istituzione gruppo per affrontare temi di disabilità e accessibilità urbana

33

La proposta è del sindaco Decaro

logo BariBARI – Su proposta del sindaco Antonio Decaro, la giunta comunale ha approvato questa mattina l’istituzione del coordinamento interassessorile e di un gruppo di lavoro inter-ripartizioni per affrontare i temi della disabilità.

Coerentemente con le linee programmatiche dell’amministrazione, che prevedono la realizzazione di servizi e iniziative in favore delle persone disabili al fine di favorirne la piena integrazione sociale, e in vista dell’adozione di un piano straordinario per l’abbattimento delle barriere architettoniche teso a garantire la massima accessibilità delle persone diversamente, la delibera stabilisce che venga nominato un gruppo di lavoro ad hoc.

Considerato che le problematiche connesse alla disabilità sono complesse e riguardano più ambiti, solo un’attività congiunta e organizzata tra più assessorati e ripartizioni, che si avvarrà delle competenze del consigliere incaricato del sindaco alle politiche di tutela del diritto dell’accessibilità urbana Marco Livrea, potrà garantire interventi complessivi finalizzati a:

* armonizzare le attività di programmazione delle ripartizioni comunali nonché di progettazione per attivazione di risorse economiche (europee, statali, regionali) destinate ad interventi a favore di persone con disabilità;
* promuovere iniziative congiunte e l’azione coordinata degli interventi a favore di cittadini con bisogni speciali;
* realizzare attività di monitoraggio relativamente agli adempimenti assegnati alle singole ripartizioni;
* promuovere strategie di sensibilizzazione;
* coordinare le azioni di sostegno ai soggetti terzi riconoscendo priorità alle iniziative “accessibili”;
* facilitare lo scambio di modelli di buone prassi e la circolazione di know how specifico anche attraverso la pubblicazione di quaderni tecnico-operativi;
* promuovere e coordinare le strategie di informazione, comunicazione e divulgazione ai cittadini.

Alle attività del gruppo di lavoro saranno invitati a partecipare anche soggetti esterni all’amministrazione comunale, rappresentanti del mondo del volontariato e dell’associazionismo impegnati nella tutela dei cittadini con disabilità. Il gruppo di lavoro sarà chiamato a relazionare periodicamente alla giunta comunale e al direttore generale in merito all’andamento dei lavori e a specifiche proposte operative.

Il direttore generale dovrà provvedere a definire il gruppo di lavoro e il soggetto incaricato del coordinamento del gruppo stesso, che sarà composto dai rappresentanti delle ripartizioni Infrastrutture, Viabilità e Opere Pubbliche; Polizia Municipale; Culture, Religioni, Pari opportunità, Comunicazione, Marketing territoriale e Sport; Enti partecipati e Fondi comunitari; Patrimonio; Politiche educative giovanili e del lavoro; Servizi alla persona; Sviluppo economico; Urbanistica ed Edilizia privata.

Con l’istituzione di un gruppo di lavoro interdisciplinare dedicato ad affrontare le diverse criticità legate all’accessibilità della città e dei suoi servizi – dichiara il sindaco Antonio Decaro – compiamo un deciso passo avanti per garantire sostegno, sussidiarietà e pari opportunità alle persone con disabilità. Sarà il gruppo di lavoro, nel quale siederà anche Marco Livrea, a redigere il primo PEBA (Piano per l’abbattimento delle barriere architettoniche) cittadino e a indirizzare le scelte e gli interventi grandi e piccoli dell’amministrazione a tutela dei diritti di cittadinanza di tutte le persone, anche quelle con bisogni speciali. L’accessibilità è un concetto che riguarda non solo la dimensione materiale degli interventi ma anche quella culturale e sociale, ed è la ragione per cui l’equipe incaricata dovrà ragionare a tutto tondo e proporre azioni integrate”.

L’istituzione di un coordinamento inter assessorile e la creazione di un gruppo di lavoro che si occupi specificatamente delle problematiche legate alla disabilità – commenta Marco Livrea – e delle conseguenti azioni tese a eliminare le barriere fisiche, sociali, culturali e istituzionali che negano l’accesso al benessere da parte di una categoria sociale così debole, è una presa d’atto fondamentale, da parte di questa amministrazione, di quanto sia necessario riservare a una questione cogente specifiche professionalità e risorse economiche. Quello di oggi è un grande passo avanti per avviare, con urgenza, un piano ben determinato di azioni concrete che riguarderanno molteplici ambiti della vita delle persone disabili della nostra città, evitando sprechi di tempo, di risorse umane ed economiche”.