B2F, Zero5 Castellana Grotte: scontro al vertice con Castelbellino

applausi pubblico

Ecco tutto ciò che c’è da sapere

CASTELLANA GROTTE (BA) – Un ruolino di marcia “mostruoso”: imbattuta e con solo due set persi finora in tutto il campionato. Parliamo della Termoforgia Moviter Castelbellino, prossima avversaria della Zero5 Castellana Grotte nella quinta giornata del girone di ritorno del campionato nazionale di B2 femminile, girone H.

E’ esagerato l’aggettivo “mostruoso”? Castelbellino ad oggi è la squadra meno battuta d’Italia, dalla Superlega maschile all’ultima formazione di B2. Ben 360 squadre e lei è la meno battuta. Ci sono solo altre tre squadre imbattute ed a punteggio pieno nei campionati nazionali di volley (Imola B2 femminile, Sabaudia ed Ottaviano B maschile), ma con più set persi (rispettivamente 12, 11 e 9).
Quale stimolo migliore per la Zero5, attualmente la più accreditata antagonista della squadra marchigiana?
Una partita che potrebbe diventare storica, sabato 2 marzo, alle ore 18:30 nella palestra di Via Rosatella ed il pubblico potrà sicuramente recitare la sua parte. Ingresso libero.

Nella gara di andata la Zero5 rimediò un netto 3-0 (25-15, 25-20, 25-16) fornendo una prestazione opaca, ma proprio nella settimana precedente si infortunò il capitano Palma Monitillo e Kabunda non era nelle migliori condizioni. Non si poteva chiedere di più ad una squadra alla ricerca di nuovi assetti in campo con di fronte un avversario che, bisogna ammetterlo, ha una caratura tecnica degna della categoria superiore.

Nella squadra delle Grotte aleggia uno spirito di rivalsa ed il morale è altissimo. “Si, è una partita a cui teniamo molto”, conferma mister Massimiliano Ciliberti, “vogliamo dimostrare che al completo sarà una partita diversa rispetto a quella dell’andata. Sabato finalmente abbiamo la possibilità di giocarcela ad armi pari, anche se loro meritano ampiamente la prima posizione. Stanno facendo un grande campionato, onore a loro, ma noi questa partita proveremo a vincerla”.

Queste le gare della giornata, partendo dall’alto della classifica: Zero5 Castellana Grotte (44) – Castelbellino (51); Oria (39) – Recanati (15); Corridonia (35) – Porto San Giorgio (13); Offida (29) – Cerignola (13): Copertino (28) – Monte San Giusto (15); Giulianova (16) – Mesagne (22); Jesi (18) – Noci (19).

Ironia della sorte, anche la squadra militante in serie D, seconda in classifica, è alle prese con la capolista, la Tecnova Gioia del Colle, avanti di 5 punti. La gara si disputerà domenica 3, alle ore 18 a Gioia del Colle.
Contemporaneamente a quest’ultima gara, l’under 14 è impegnata nei quarti di finale territoriale Bari-Foggia a Putignano contro il consorzio Volley a Sud Est. La squadra di seconda divisione, domenica mattina alle ore 9 al Pala Angiulli affronta la Uisp ’80 Acquaviva delle Fonti, tanto per cambiare, attuale capolista.

Come si sa, lo sport è legato strettamente al sociale ed in occasione della gara di sabato sarà celebrata la XXII^ Giornata Mondiale delle Malattie Rare a cura della UNIAMO (Federazione Italiana Malattie Rare Onlus) in collaborazione con AISMAC (Associazione Italiana Siringomielia e Arnold Chiari, il cui referente provinciale è il vicepresidente della Zero5 Johnny Terrafina). All’interno del Palazzetto sarà distribuito materiale informativo, spillette e palloncini celebrativi. La Malformazione di Chiari 1 (CM1) e la Siringomielia (SM) sono due patologie rare, invalidanti, poco conosciute e difficili da diagnosticare con gravi conseguenze per i pazienti.

Il tema dell’Edizione 2019 è “INTEGRIAMO L’ASSISTENZA SANITARIA CON L’ASSISTENZA SOCIALE”
Bisogna fare in modo che “quella piccola speranza data dall’inserimento delle malattie rare nell’agenda politica non si esaurisse subito nel nulla. Era necessario creare un movimento di pazienti, familiari e comuni cittadini che puntasse a riunire tutti gli sforzi verso l’obiettivo delle malattie rare e si riconoscesse in questo movimento grazie ad un logo identificativo comune e ad un motto” (cit. S. Bellagambi, referente di Uniamo in Eurordis). Per questo è nata la “Giornata delle Malattie Rare”, svoltasi per la prima volta nel 2008, il 29 febbraio, giorno “raro” per antonomasia, e si celebra l’ultimo giorno di febbraio di ogni anno.
Concentrare una giornata su questo tema aiuta a parlarne, a diffondere informazioni, ad approfondire, ad ascoltare tutti gli interessati, a capirne i bisogni e a pensare a tutte le possibili soluzioni nella ricerca, nell’accesso alle cure e nell’assistenza.

La Giornata Mondiale delle Malattie Rare non si rivolge solo ai pazienti e ai loro famigliari ma è diventato un evento trasversale di tutti e per tutti, e i risultati possono risolvere molti problemi sociali, sanitari, economici ed etici che vanno ben oltre i confini del settore malattie rare.