Arnesano, corso sul compostaggio domestico

101

Il corso è organizzato dalla Consulta dei Giovani con gli alunni delle Scuole Medie

corso di compostaggio arnesanoARNESANO (LE) – Presso l’Istituto Comprensivo di Arnesano si è tenuto il corso sul compostaggio domestico organizzato dalla Consulta dei Giovani, con gli alunni delle prime classi della scuola media. Nel corso dell’incontro sono stati illustrati gli enormi vantaggi del compost e si è parlato delle principali tecniche che permettono di dare nuova vita ai rifiuti organici, prevalentemente scarti di cucina, sfalci e potature di giardini grazie alle dimostrazioni pratiche di Enrico Giuranno. Sono intervenuti, oltre ai ragazzi della Consulta dei Giovani, anche il consigliere comunale con delega alle politiche giovanili Luigi Mazzei che ha evidenziato il grande impegno che sta mettendo in campo l’amministrazione su questa tematica complimentandosi per l’ottima iniziativa. Infine è intervenuto Antonio Trevisi, componente della commissione ambiente in consiglio Regionale.

È importante sapere che il compostaggio domestico – ha dichiarato Trevisi nel corso dell’iniziativa – non è altro che un metodo di riciclo intelligente che trasforma i rifiuti domestici derivanti dalla frazione organica in ottimo ammendante, utile per orti, campagne e giardini, riducendo contemporaneamente l’uso di concimi chimici. Il vantaggio è quello di abbattere la produzione dei rifiuti destinati alle discariche, evitando anche la formazione di cattivi odori e percolati. Il tutto con notevoli benefici sia sulle spese di smaltimento, che per quanto riguarda la riduzione dell’inquinamento.”

Ringraziamo la Preside dell’Istituto – dichiarano i ragazzi della Consulta – per la disponibilità e gli alunni che hanno riservato tanta attenzione per quest’evento. Quello che è emerso dai vari interventi riguarda la necessità di sensibilizzare tutti sulla tematica della gestione ecologica dei rifiuti, soprattutto, i ragazzi che possono da subito modificare le abitudini familiari facendo il compostaggio e la raccolta differenziata.”