Aip: si dimette Perrone, al suo posto Giorgino

50

“Intendo garantire continuità e stabilità all’Aip – sottolinea il presidente uscente e sindaco di Lecce, Paolo Perrone – in una fase delicata che coinvolgerà l’Autorità idrica pugliese”

paolo perrone -presidente csi achiniLECCE – Il sindaco di Lecce Paolo Perrone si è dimesso questa mattina da presidente dell’Aip, l’Autorità idrica pugliese. Al suo posto il Consiglio direttivo ha provveduto a nominare il sindaco di Andria Nicola Giorgino.

Con le mie dimissioni – ha spiegato il sindaco Perrone – intendo garantire continuità e stabilità all’Aip in una fase delicata che coinvolgerà l’Autorità sino al rinnovo della concessione del Servizio idrico integrato previsto per il 31 dicembre 2018. Continuità e stabilità che non avrei potuto garantire visto che il mio mandato da sindaco scadrà fra qualche mese”.

Durante la mia gestione – ha spiegato il sindaco Perrone – ho cercato di interpretare le esigenze dei cittadini pugliesi riguardo un bene primario qual è l’acqua, provando a venire incontro alle domande e alle necessità che sono giunte da tutti i territori e dai loro sindaci che ringrazio per la fiducia accordatami in questi anni e per lo spirito di collaborazione che ha caratterizzato la mia esperienza alla guida dell’Aip. Ringrazio i componenti del Consiglio direttivo che mi hanno affiancato in questo difficile compito e ringrazio, soprattutto, l’intera struttura dell’Autorità idrica: il direttore generale, il direttore amministrativo, funzionari e collaboratori che con garbo e professionalità non hanno lesinato energie per cercare di dare risposte concrete alla comunità pugliese accompagnando ogni giorno la mia attività amministrativa”.

Sono estremamente lieto – conclude Perrone – che il Consiglio direttivo abbia accettato di nominare su mia proposta l’amico e collega Nicola Giorgino alla presidenza di questo organismo, un amministratore competente e affidabile che sono certo riuscirà a guidare l’Autorità nel segno della continuità e dell’efficienza.
Posso assicurare sin d’ora al neo presidente tutto il mio appoggio, lo stesso che io ho sentito da parte sua durante la mia gestione alla guida dell’Aip”.