A Mola di Bari “Palazzo Roberti” al Comune per completare la valorizzazione

7

aree a rischio erosione costiera in puglia

MOLA DI BARI (BA) – Ultimato il passaggio di proprietà al Comune di Mola di Bari delle porzioni del Palazzo Roberti che erano ancora di proprietà dello Stato e che saranno utilizzate per completare il Programma di valorizzazione. Si tratta di due locali al piano terra che saranno utilizzati per servizi e funzioni a supporto degli operatori del territorio per la promozione del turismo nazionale e internazionale, anche tramite le attività che si organizzeranno all’interno del cortile dell’immobile, del palazzo e dell’intera città. L’dea di fondo è quella di dare pieno sviluppo alle potenzialità di attrazione turistico-culturale dell’edificio che si contraddistingue per maestosità e imponenza, tanto che popolarmente è conosciuto anche come “Palazzo delle Cento Camere”. Nella centralissima Piazza XX Settembre, posta a ridosso del borgo antico del Comune e nelle vicinanze del lungomare, l’edificio costruito nel 1770, sfoggia una facciata simmetrica in stile tardo-barocco, con al centro la loggia nobile che sovrasta il maestoso portone di gusto napoletano e dà accesso a un’ampia corte, sul quale si innesta lo scalone esterno che conduce ai piani superiori e al loggiato. Gli interni conservano pregevoli decorazioni pittoriche, tra le quali alcune tele dell’artista napoletano di fine Settecento Aniello D’Arminio. Il Programma di valorizzazione è tutto orientato ad assicurare nel tempo gli obiettivi di tutela bene di grande pregio attraverso attività dirette a garantirne la protezione e la conservazione mediante il riuso culturale.