Un’artista pugliese alla Fortezza di Civitella del Tronto

opera manuela caputo

Manuela Caputo: “Cielo anteriore e cielo posteriore”

CIVITELLA DEL TRONTO (TE) – Sabato alle 17, presso la prestigiosa Fortezza di Civitella del Tronto, l’artista pugliese Manuela Caputo presenta, a cura del critico d’arte Massimo Pasqualone, un’installazione dal titolo “Cielo anteriore e cielo posteriore”. Si tratta -afferma l’artista di un’opera che sviscera “L’essenza ereditata dagli antenati, il dna, la forma unica e irripetibile di un’anima che si incarna e il suo cielo posteriore: le esperienze, il nutrimento, le svelte, il vissuto. Gli stimoli che rendono possibile la manifestazione, nella materia di quel primario e primordiale cielo anteriore.”

Manuela Caputo nasce l’11 settembre del 1975 a Taranto. Studia teatri orientali e antropologia teatrale al Dams di Bologna, città che diventa la sua seconda casa per vent’anni e che le permette anche di coltivare la sua altre sue passione: la musica.

Lo sciamanesimo, il rituale, la musica, il gesto, il simbolo, la ricerca del contatto con le sfere divine e intuitive da parte dell’umano sono al centro della sua vita e della sua arte. Tanto da provare a conciliare energia, sogno, messaggio e musica sulle tele.