Negramaro: “La rivoluzione sta arrivando Tour” fa il tris a Bari

NegramaroBARI – Continua inarrestabile il successo delle prevendite per il nuovo attesissimo tour dei Negramaro, in partenza il prossimo 4 novembre da Mantova (data zero). Per rispondere alla grandissima richiesta di biglietti, sono saliti addirittura a tre i live al Palaflorio di Bari: alle iniziali tappe del 21 e 22 novembre, infatti, si è aggiunto anche un concerto il 24 novembre. I biglietti per le nuove date sono già in vendita su www.livenation.it e tramite il circuito Ticketone.it.

‘La Rivoluzione Sta Arrivando Tour’ segue la pubblicazione del nuovo album dei Negramaro, ‘La Rivoluzione Sta Arrivando’, pubblicato lo scorso 25 settembre e disponibile in tutti gli store fisici e digitali. L’album, già in vetta alla classifica di vendita e certificato Disco d’Oro, è arrivato a cinque anni dal multi platino ‘Casa 69’. A un solo giorno dalla sua uscita, “La rivoluzione sta arrivando” era già volato al numero 1 della classifica degli album più venduti su iTunes, mentre il singolo “Attenta” è il brano più trasmesso dalle radio conquistando il numero 1 anche nella classifica dell’airplay radiofonico.

E’ un album intenso e carico, dodici canzoni che suonano come hits e colpiscono dritte al cuore, sorrette da un suono “Negramaro 100%” mixato da Jacquire King (già al lavoro con Kings Of Leon, Bon Jovi, James Bay, Editors e Norah Jones).

Un lavoro ricco e perfettamente a fuoco, registrato tra Londra, Madrid, New York, Nashville, oltre naturalmente a diverse località della Puglia. Il meglio del suono e della tecnica internazionali mescolati con il DNA musicale patrimonio della band, un disco capace di restituire appieno il suono potente e inconfondibile che contraddistingue i loro live.

Il cd, sui testi e sulle tematiche, gioca di continui rimandi tra il piccolo e il grande, tra il dentro e il fuori, tra l’io e il noi fino a costruire un manifesto ambizioso e accorato che celebra la vita. Rilanciando la necessità di rimettere l’Uomo al centro delle cose, in una sorta di nuovo antropocentrismo – o nuovo umanesimo.