Lecce, un viaggio nella città della puntegiatura

Mercoledì 24 febbraio, alle ore 16.30,  alle  Officine Cantelmo lo scrittore lucano  Gianluca Caporaso presenterà il  libro “I racconti di Punteville”. L’iniziativa fa parte della rassegna “Incontri con l’Autore” organizzata dall’Assessorato alla Pubblica Istruzione

gianluca caporasoLECCE – Mercoledì 24 febbraio, alle ore 16.30, alle Officine Cantelmo, nuovo appuntamento della rassegna “Incontri con l’Autore”. Sarà ospite lo scrittore lucano Gianluca Caporaso per presentare il libro “I racconti di Punteville”, ovvero le mirabolanti cronache degli uomini che viaggiarono nelle città della punteggiatura”. L’iniziativa, organizzata dall’Assessorato alla Pubblica Istruzione, rientra nell’ambito di LecceLegge e ha l’obiettivo di promuovere la lettura. Dialogherà con l’autore la professoressa Loredana Marulli.
Il racconto dal sapore fiabesco è pubblicato da Lavieri ed illustrato con delicatezza da Rita Petruccioli. Narra con tono sognante di un piccolo universo costituito da singolari città; ognuna di queste ha come emblema un segno di punteggiatura. Sono luoghi in cui le persone si spostano portando con sé qualcosa delle loro città e modificando le comunità che li accolgono. Ed è così che le città, anche se diverse tra loro, finiscono per assomigliarsi. Se ci si aspetta di imbattersi in un’opera dall’intento didattico, scritta per far comprendere l’uso della punteggiatura ai più piccoli, si rimane invece incantati dalle poetiche descrizioni e dalla sottesa ironia che i lettori adulti riescono a cogliervi.
Caporaso vive e lavora a Potenza e si occupa di scrittura, di solidarietà, volontariato e progettazione culturale.
L’incontro con l’autore completa il percorso avviato con il laboratorio glottodidattico sulla punteggiatura a cura dell’Associazione Culturale DidAttivaMente. La lettura de I racconti di Punteville, infatti, ha costituito il punto di partenza di un percorso che ha visto alcuni bambini delle classi quinte della scuola primaria (Cesare Battisti, Edmondo De Amicis e San Domenico Savio) impegnati nell’acquisizione dei principali segni di interpunzione inglesi attraverso l’arte, la musica e la drammatizzazione.
Durante l’incontro saranno consegnati gli attestati di frequenza ai bambini che hanno seguito il laboratorio.
Saranno presenti all’incontro l’assessore alla Pubblica Istruzione Nunzia Brandi e la dirigente del settore Anna Maria Perulli.
L’ingresso è libero.