Lecce, “La Voce incantata della bella Cloe” in auto e moto d’epoca

auto e moda storie di eleganza femminile

Appuntamento per il 22 aprile 2018

LECCE – E’ Cloe Elmo, celebre personaggio leccese del ’900 e considerata ancora oggi una delle ultime esponenti del registro di mezzosoprano-contralto che la scuola italiana abbia offerto alla lirica, la protagonista del tradizionale evento di primavera in auto e moto d’epoca organizzato dalla Scuderia “Il Tacco”, Club federato ASI, e dalla “Prima Scuderia Femminile AutoMoto d’Epoca”, con il patrocinio dell’Assessorato al Turismo del Comune di Lecce.

Domenica 22 aprile, a Lecce, in piazza Libertini, a partire dalle ore 9.00, oltre 100 “antiche signore” si ritroveranno per condividere la passione per le auto d’altri tempi e per ricordare la cantante salentina che con la sua magnifica voce, tra la fine degli anni Trenta ed i primi anni Cinquanta, bruciò le tappe di una straordinaria carriera dividendosi tra la Scala di Milano e il Metropolitan di New York. Cantò con Tito Schipa, Giuseppe Di Stefano, Maria Callas, Beniamino Gigli, Giacomo Lauri Volpi, e nessuno riusciva a metterla in secondo piano e ad intaccare la sua enorme popolarità. Nata a Lecce il 9 aprile del 1910, studiò al Conservatorio di musica “Santa Cecilia” a Roma. Nel 1936 debuttò al Teatro alla Scala, nel ruolo di “Meg Page” nel Falstaff. Nell’agosto del 1945 si esibì per il Teatro Reale dell’Opera di Roma all’aperto, presso le Terme di Caracalla, cantando in Cavalleria Rusticana, Gioconda e Carmen.Aveva una voce di timbro scuro e pastoso, dalla musicalità calda ed espressiva. Divenne una delle più apprezzate interpreti di Aida, Il Trovatore, Un ballo in maschera, Falstaff, La Gioconda. Negli anni Cinquanta si ritirò dalle scene e dal 1954 insegnò al Conservatorio di Ankara dove avevano insegnato, prima di lei, Elvira De Hidalgo e Giannina Arangi-Lombardi. Qui morì, il 24 maggio del 1962, all’età di appena 52 anni.
Il programma inizierà con l’accoglienza e l’accreditamento degli equipaggi che giungeranno con le loro vetture storiche da tutta la Puglia. Alle 10:30 è previsto il saluto delle autorità e del sindaco di Lecce Carlo Salvemini. Seguirà l’intervento di Eraldo Martucci, giornalista e critico musicale che illustrerà la straordinaria figura dell’artista, alla presenza dei discendenti di Cloe Elmo, Stanislao, di cui la cantante era la zia, e Stefano, il pronipote. In piazza Libertini sarà suggestivo ascoltare tre brani con la voce autentica di Cloe e, al termine, il mezzosoprano Serena Scalinci, che canterà l’aria “Habanera” tratta dalla Carmen di Bizez, una delle più note che la Elmo interpretò e che la resero celebre. I partecipanti coglieranno l’opportunità di visitare il Teatro Apollo e il Castello di Carlo V. Infine, intorno alle 13:00, a bordo dei loro auto asceranno la città alla volta del Ristoppia Resort di Lequile per il momento conviviale di chiusura. Per informazioni: cell. 339.4877829.