Lecce, ha patteggiato una condanna a tre mesi il responsabile dell’aggressione dell’agente della Polizia Locale

Per lui processo per direttissima

logo comune LecceLECCE – Si è svolto ieri il processo per direttissima nei confronti di Enrico Dell’Anna, il 65enne incensurato di Leverano responsabile dell’aggressione dell’agente di Polizia Locale Edith D’Anna “rea” di avergli comminato una sanzione di euro 28,70 per divieto di sosta.
Al termine del procedimento penale, l’uomo, che ha ammesso le sue responsabilità ed ha chiesto il patteggiamento della pena, è stato condannato a tre mesi pena sospesa.
“Speriamo che la condanna inflitta all’aggressore della collega di Leverano, alla quale rinnovo a nome mio, del comitato direttivo e di tutti i colleghi della provincia gli auguri di recuperare al più presto le condizioni psico-fisiche per tornare serenamente in servizio, possa risultare esemplare e indurre i trasgressori più irascibili a comportamenti comunque improntati al civile confronto.”- fa sapere il Presidente del COP Salento Donato Zacheo commentando l’esito del processo per l’aggressione fisica subita dall’agente della Polizia Locale di Leverano martedì scorso 8 marzo.
Non vorrei farne una questione di genere, ma certo fa riflettere che sia accaduto proprio nel giorno in cui si celebrava in forme a volte fin troppo rituali la festa della donna. In ogni caso – aggiunge il Comandante Zacheo – la frequenza con la quale registriamo reazioni a dir poco sopra le righe da parte degli automobilisti oggetto di un accertamento amministrativo ai sensi del codice della strada, è diventata davvero preoccupante. Nel Comando di Lecce, solo nel mese di febbraio, abbiamo contato ben cinque querele per oltraggio a pubblico ufficiale, che rappresentano la punta di un iceberg di numerosi episodi dello stesso tenore che gli agenti non formalizzano in una denuncia.