La repressione dei giovani no tap e il fermo di 52 persone al centro di un’interrogazione parlamentare a firma di Arturo Scotto

ernesto abaterusso

Le dichiarazioni di Ernesto Abaterusso

BARI – “L’on. Arturo Scotto, parlamentare di Art.1-Mdp Liberi e Uguali, ha presentato questa mattina, su sollecitazione mia e di Salvatore Piconese, un’interrogazione al Ministro dell’Interno per fare luce sulla repressione dei giovani No Tap e sul fermo di 52 persone avvenuto la settimana scorsa a Melendugno“.

Così in una nota Ernesto Abaterusso, presidente Gruppo consiliare Articolo 1 – MDP in Regione Puglia, che aggiunge: “Art.1-Mdp Liberi e Uguali Puglia esprime soddisfazione per la sensibilità dimostrata dall’on. Scotto che intende sottoporre così al Governo una questione a nostro avviso fondamentale, che riguarda l’intero territorio salentino, in particolar modo la comunità di Melendugno. Una ferita aperta nel cuore del Salento, quella della Tap, che siamo convinti debba essere risolta nell’ottica del dialogo e del confronto tra istituzioni e cittadini perché se di sviluppo economico si vuole parlare, è impensabile affrontare questioni di tale portata senza un serio e costruttivo ascoltando dei territori. Riteniamo pertanto che l’interrogazione a firma dell’on. Scotto sia un atto dovuto nei confronti di quanti sono stati repressi dalla polizia e delle 52 persone fermate, tra le quali vi è anche un quindicenne, alle quali va tutta la nostra solidarietà“.