Castellaneta, arresti per la rapina in una masseria: il plauso di CIA Puglia

Sette mesi dopo l’assalto, assicurati alla giustizia altri due componenti della banda

CAASTELLANETA (TA) – CIA Puglia esprime un sentito ringraziamento e plauso ai Carabinieri e agli organi inquirenti che hanno assicurato alla giustizia i responsabili della rapina avvenuta il 29 novembre scorso in un’azienda agricola di Castellaneta, associata CIA-Agricoltori Italiani, in contrada Trio Primo, al confine con il territorio di Gioia del Colle.

Ci congratuliamo con i militari e l’autorità giudiziaria che hanno brillantemente condotto le indagini sul grave episodio delittuoso, peraltro efferato nelle modalità – afferma il presidente CIA Due Mari Pietro De Padova – La banda aveva agito, infatti, impugnando fucili e pistole, e aveva immobilizzato e sequestrato parte della famiglia nella masseria per il tempo necessario a sottrarre il denaro. Ringraziamo il personale dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Castellaneta e la magistratura inquirente per l’impegno profuso e per aver riportato serenità nelle campagne“.

I carabinieri, intervenuti prontamente, avevano arrestato in flagranza uno dei componenti della banda, dopo un conflitto a fuoco. Gli altri autori dell’assalto nella masseria erano riusciti a dileguarsi nelle campagne e a sottrarsi alla cattura. La scorsa notte sono stati arrestati altri due soggetti, ritenuti responsabili della rapina e raggiunti da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Taranto Giuseppe Tommasino. “Consapevoli degli sforzi profusi dalle forze dell’ordine – aggiunge il direttore CIA Due Mari Vito Rubino – confidiamo che il controllo del territorio sia costantemente intensificato per garantire sicurezza agli imprenditori agricoli e alle loro famiglie che abitano le zone rurali e non possono essere lasciati alla mercé di bande criminali senza scrupoli che mettono a repentaglio la loro vita“.