Brindisi, Asl: task forse per la gestione delle problematiche igienico-sanitarie

BRINDISI – Il problema delle infezioni ospedaliere, un rischio possibile anche negli ambienti delle strutture di questa Azienda Sanitaria, richiede un permanente stato di allerta nel presidiare eventuali problematiche di ordine igienico-sanitario nei luoghi deputati alla ospedalizzazione. La prevenzione del fenomeno, attraverso interventi mirati e minuziosi, si traduce concretamente in vera e propria garanzia per la riuscita degli interventi clinici sanitari, soprattutto quando si tratta di presidi ospedalieri di secondo livello come il “Perrino” di Brindisi, che eroga di prestazioni di elevata complessità assistenziale e specializzazione.

La considerazione del problema delle infezioni, non sempre adeguatamente percepito da parte degli operatori sanitari, ha indotto la Direzione Generale di questa Azienda Sanitaria, diretta da Giuseppe Pasqualone, a costituire un Gruppo di Lavoro (deliberazione n.1745 del 14.10.2015) che si faccia carico della materia nella sua globalità, con la facoltà di intervenire presso tutte le strutture aziendali che erogano prestazioni cliniche.

La funzione del Gruppo di Lavoro, multidisciplinare, composto da professionisti interni ed esterni all’Azienda ed in possesso di specifiche professionalità, sarà quello di supportare la Direzione Generale e le Direzioni Sanitarie dei Presidi Ospedalieri nella gestione di tutte le criticità emergenti, con l’obiettivo prioritario di potenziare le attività di prevenzione e contenimento del fenomeno. Nell’ambito del mandato il gruppo procederà attraverso i seguenti step:
analisi dettagliata di tutta la realtà ospedaliera per valutare e gestire le problematiche relative agli aspetti igienico/sanitari e del rischio di infezioni correlate all’assistenza sanitaria delle strutture ospedaliere, in special modo del Presidio Ospedaliero “Perrino” di Brindisi;

acquisizione, elaborazione ed analisi dei dati relativi alla prevenzione e gestione delle infezioni ospedaliere, alla emanazione di disposizioni operative e alla verifica del relativo rispetto e attuazione da parte dei destinatari delle direttive emanate, nonché dei protocolli aziendali già in vigore, relazionando periodicamente sugli esiti delle procedure alla Direzione Generale.

I professionisti che compongono il Gruppo di Lavoro sono il Dr. Gianni Grilli – Direttore Medico del Presidio Ospedaliero di Andria, con funzione di coordinamento dell’équipe; il Dr. Vincenzo De Filippis – Direttore dell’Unità Operativa Gestione Rischio Clinico della ASL di Bari; il Dr. Carlo Leo – Direttore dell’Unità Controllo di Gestione e Direttore f.f. del Servizio Igiene e Sanità Pubblica ASL BR; Dr. Marino Santoro – Ispettore del Servizio Igiene e Sanità Pubblica ASL BR; Dr. Valter De Nitto – Dirigente Responsabile dell’Unità Operativa Gestione Rischio Clinico ASL BR.

Nell’immediato e di concerto con i militari del N.A.S., questa ASL BR ha già intrapreso le prime azioni concrete finalizzate ad inquadrare l’entità del fenomeno e a ridurne la diffusione: campionamenti ambientali presso le Unità Operative di degenza dei Presidi Ospedalieri; azioni di bonifica ambientale mirate, come la sostituzione dei filtri dell’impianto di condizionamento e interventi agli impianti di distribuzione delle acque.

Sono altresì in corso i lavori per la realizzazione della “zona filtro” presso l’Unità Operativa di Rianimazione dell’Ospedale Perrino la cui ultimazione, compatibilmente con l’esigenza di evitare la chiusura temporanea del reparto, è prevista per i primi mesi del prossimo anno.

Infine, è stato già allertato il Comitato Aziendale per la Lotta alle Infezioni Ospedaliere con il compito di supportare l’attività del Gruppo di Lavoro e provvedere, cosi come previsto dalla loro funzione istituzionale, a monitorare il fenomeno e assumere iniziative mirate.
Con questo atto si conferma la volontà dell’attuale management di ridurre le situazioni di criticità per migliorare la qualità nelle cure e garantire la piena sicurezza dei cittadini.