Bianca di Puglia: al Fortino Sant’Antonio la V edizione dell’evento di promozione dei vini bianchi pugliesi

bianca di puglia

Appuntamento per sabato 5 maggio

BARI – Si terrà sabato 5 maggio, presso il Fortino Sant’Antonio, la V edizione di “Bianca di Puglia”, l’evento dedicato ai vini bianchi regionali promosso e organizzato dall’Associazione Italiana Sommelier di Bari con il contributo di AIS Puglia.

“Bianca di Puglia”, patrocinato dall’assessorato alle Politiche agricole della Regione Puglia e dall’assessorato alle Culture del Comune di Bari, è un progetto nato cinque anni fa da un’idea della delegazione di Bari, fortemente sostenuto dal delegato cav. Raffaele Massa e finalizzato alla promozione dei vini bianchi pugliesi.

La V edizione sarà dedicata ai vitigni tradizionali pugliesi, espressione di salvaguardia e valorizzazione del territorio, in completamento con i vitigni impiantati, quale processo di sperimentazione, adattabilità e integrazione.

Torna ancora una volta al Fortino “Bianca di Puglia”, la selezione dei migliori vitigni e vini bianchi pugliesi – dichiara l’assessore alle Culture Silvio Maselli -. Spesso riteniamo, erroneamente, che i più interessanti vini autoctoni siano rossi, come la terra calcarea che li genera, come il caldo sole d’estate meridiana che ci inonda. Ma la cultura enologica e l’antica sapienza contadina pugliese consentono oggi, a svariate cantine, di produrre vini di straordinario valore e qualità, esportando in tutto il mondo. Per celebrare questa grande cultura siamo lieti di accogliere gli amici della Associazione Italiana Sommelier di Bari, nel cuore della nostra tradizione, proprio a ridosso dei giorni nicolaiani”.

Nel corso dell’evento sarà presentato il nuovo libro dedicato ai vini bianchi di Puglia “Sorsi di luce, canti del vento della terra e del mare” di Giuseppe Baldassarre.

Di seguito, il programma della V edizione di Bianca di Puglia:

· ore 18 pre-apertura dei banchi di degustazione solo per gli addetti alla ristorazione

· ore 19 simposio di approfondimento nella sala interna del Fortino Sant’Antonio “Dal vitigno nato a quello impiantato: territorialità e integrazione”

· ore 20 apertura dei banchi di degustazione al pubblico.