Barletta, pene sostitutive con lavori di pubblica utilità: rinnovata la convenzione tra Ministero della Giustizia e Comune

il rinnovo della convenzione

I dettagli

BARLETTA – È stato sottoscritto oggi nel Tribunale di Trani dal suo presidente, Antonio De Luce, e dal sindaco Pasquale Cascella, il rinnovo della convenzione triennale tra il Ministero della Giustizia e il Comune di Barletta per l’applicazione della normativa sul lavoro di pubblica utilità quale pena sostitutiva delle sanzioni detentive e pecuniarie irrogate dal Giudice di Pace a dieci condannati.

La convenzione, sulla base delle norme del Decreto Legislativo 274/2000, del Decreto del Ministro della Giustizia del 26 marzo 2001 e della Legge 67 del 28 aprile 2014, recepisce l’innovazione giudiziaria che consente ai condannati che ne abbiano fatto richiesta di svolgere attività in favore della collettività senza alcuna forma di retribuzione nei settori comunali Manutenzioni, Beni Culturali e Servizi Sociali, nonché altre prestazioni attinenti specifiche professionalità dei condannati per attività conformi a quanto disposto nelle sentenze che applicano il lavoro di pubblica utilità. Oltre trenta i cittadini che sino ad oggi hanno chiesto ed ottenuto dal Comune la disponibilità a svolgere questo genere di attività.