Barletta, adeguamento del “Manzi – Chiapulin”: incontro a Palazzo di Città

L’incontro si è tenuto venerdì mattina

barlettaBARLETTA – Si è tenuto venerdì mattina a Palazzo di Città un incontro sull’ampliamento e l’adeguamento alle norme di sicurezza dell’impianto sportivo “Manzi – Chiapulin”, presieduto dal sindaco Pasquale Cascella, a cui hanno partecipato gli assessori Antonio Divincenzo e Giuseppe Gammarota, il presidente Flavio Basile e i componenti Gennaro Calabrese e Ruggiero Dicorato della IV Commissione Consiliare permanente Lavori Pubblici, l’ing. Antonio Sasso, professionista incaricato dall’Amministrazione comunale del progetto, i dirigenti dei settori comunali compenti e i rappresentanti della società sportiva Barletta 1922.
Il progetto si è reso indispensabile a seguito della revoca dell’autorizzazione alle attività del campionato dilettantistico provocata dagli incidenti che hanno fatto emergere le questioni di sicurezza per le squadre e le tifoserie ospiti. È emersa altresì l’esigenza di elevare la capienza delle tribune a 765 posti nel settore riservato al pubblico di casa, a cui aggiungere 273 posti per il settore ospiti. L’impianto dovrà anche essere dotato di servizi igienici da collegare alla rete fognaria interna, di 2 nuove uscite di sicurezza e di varchi di esodo in direzione del terreno di gioco. Attraverso la sistemazione delle aree urbane comprese tra il prolungamento di via Degli Ulivi e via Giacomo Frank potranno essere ricavati nuovi parcheggi.
L’opera, inserita nel programma triennale dei Lavori Pubblici 2016/2018 per un finanziamento di 260.000 euro, sarà messa a gara contando possa essere ultimata almeno per la prossima stagione agonistica, con l’acquisizione dei pareri favorevoli del CONI, dei Vigili del Fuoco, della ASL, della FIGC e della Lega Nazionale Dilettanti.
Perdurando l’indisponibilità dello stadio Puttilli, dove i lavori in corso scontano criticità, si intende con questo progetto dotare la città, per rispondere alle esigenze della società sportiva e delle varie associazioni calcistiche, almeno di un impianto adeguato alle stringenti norme di sicurezza in materia di impiantistica sportiva.