Bari sconfitto a Lanciano (1-0)

Decide un gran gol di Ferrari nella ripresa

virtus lanciano- bariLanciano. Abruzzo amaro per il Bari che dopo la sconfitta di Pescara delle scorse settimane perde anche a Lanciano, il gol partita è stato siglato nella ripresa da Ferrari. I galletti hanno fatto vedere delle buone cose mostrando di meritare la propria posizione di classifica, ma i rossoneri sono stati altrettanto bravi a difendersi bene e a colpire al momento giusto creando, oltre al gol del vantaggio, anche qualche altro pericolo. Per Maragliulo si tratta del terzo successo in quattro partite.

Virtus al gran completo, mentre il Bari si è presentato al Biondi orfano di Maniero. Al Biondi si rivede l’ex Campione, invece tra i rossoneri l’ex è Salviato.

All’11’ Sansone ci prova dalla distanza, para in due tempi Cragno. Al 12’ Puscas ruba palla ad Amenta, la sua conclusione è deviata dallo stesso numero 6 rossonero e la sfera è facile preda dell’estremo frentano. Al 18’ Salviato è costretto ad abbandonare il campo per infortunio, al suo posto entra Rigione. Al 20’ una punizione di Sansone piazzata sotto l’incrocio è smanacciata in angolo da Cragno. Al 25’ sugli sviluppi di una punizione battuta sulla sinistra Aquilanti di testa manda sul fondo. Al 31’ una punizione dal limite di De Luca è bloccata a terra dal numero 12 frentano. 1’ dopo Valiani da posizione defilata sulla destra scheggia la traversa. Al 36’ angolo battuto da Bacinovic, Aquilanti di testa manda sopra la traversa. Al 38’ Di Noia mette in mezzo per Puscas la cui conclusione in scivolata è ribattuta da Cragno.

Nella ripresa dopo pochi secondi Vastola prende la parte esterna della rete. Al 10’ azione insistita di De Luca che manda sul fondo. Al 17’ Virtus in vantaggio con una conclusione a giro di Ferrari che si insacca sotto l’incrocio. Replica il Bari al 20’ con una conclusione da fuori di Puscas deviata in angolo dalla retroguardia rossonera. Al 23’ De Luca dalla destra mette in mezzo per la testa di Puscas che manda a lato. Poco più tardi Dezi con una potente conclusione manda di poco alto. Al 30’ Di Francesco per Ferrari che manda sopra l’incrocio. Al 33’ il subentrato Rosina manda sul fondo. Al 39’ una conclusione tesa del subentrato Boateng da posizione defilata sulla sinistra termina di un soffio sopra la traversa.

A fine gara Bari in silenzio stampa, il tecnico della Virtus, Primo Maragliulo, ha detto: “Una partita equilibrata ed anche sofferta, mi è sembrato di vedere una partita diversa rispetto a quella col Modena dove abbiamo fatto due gol, ma oggi mi è sembrata una squadra più volitiva, una squadra che ha interpretato bene la partita, sicuramente ha sofferto, specialmente nel primo tempo, abbiamo preso dei contropiedi perché non eravamo messi bene, soprattutto perché abbiamo il solito problema di conquistare palla e nel giro di qualche secondo ridarla agli avversari chiaramente andando spesso in difficoltà. Però ho visto una squadra molto volitiva, non posso fare altro che ringraziare questi ragazzi che stanno dando l’anima in campo e poi ottengono questi risultati perché se li vanno a cercare, per il momento con sofferenza, mi auguro più in là di riuscire a dare una fisionomia a questa squadra. Indubbiamente se avessimo vinto anche facendo peggio non ne avrei fatto un dramma, la squadra oltre a dare l’anima ha anche disputato una buona partita, non ci dobbiamo assolutamente dimenticare che avevamo di fronte una grandissima squadra con un patrimonio offensivo veramente importante. Puscas penso che sia la prima volta che parta titolare ed è un giocatore molto importante nonostante sia un ’96. La squadra ha conquistato 3 punti con tutta la forza che aveva in corpo, i ragazzi hanno lottato fino all’ultimo secondo e alla fine sono riusciti a portare a casa il risultato. Oltre a Bacinovic mi auguro di poter recuperare qualche altro giocatore. Abbiamo delle partite ravvicinate, sicuramente qualcuno sicuramente avrà bisogno di recuperare e verrà sostituito nella speranza che tutti diano il massimo come ha fatto Bacinovic oggi”.

Tabellino

Virtus Lanciano (4-2-3-1): Cragno, Aquilanti, Salviato (18’ pt Rigione), Amenta, Bacinovic (26’ st Vitale), Marilungo, Di Francesco, Ferrari, Vastola (22’ st Turchi), Di Matteo, Rocca A disposizione: Casadei, Boldor, Bonazzoli, Padovan, Milinkovic, Giandonato Allenatore: Rizzo

Bari (4-3-3): Micai, Di Noia, Puscas, De Luca, Sansone (20’ st Rosina), Rada, Tonucci, Defendi (16’ st Gentsoglou), Valiani, Dezi (30’ st Boateng), Cissokho A disposizione: Guarna, Romizi, Donati, Di Cesare, Donkor, Lazzari Allenatore: Campione

Arbitro: Ros (sezione di Pordenone)

Assistenti: Villa (sezione di Rimini) e Dei Giudici (sezione di Latina)

IV Uomo: Piccinini (sezione di Forl’)

Marcatori: 17’ st Ferrari

Ammoniti: Bacinovic, Vastola, Turchi (VL) Rosina, Di Noia (B)

Espulsi: nessuno

Note: recupero 1’ pt 3’ st, angoli 8-3 per la Virtus Lanciano.