Bari, presentata l’edizione 2018 della Race for the cure

presentazione edizione 2018 della 'race for the cure'

Appuntamento per il 25,26 e 27 maggio. Firmata la convenzione per i prossimi anni

BARI – Questa mattina in Comune è stata presentata la dodicesima edizione pugliese della “Race for the Cure: tre giorni di salute sport e benessere” Bari Piazza Prefettura il 25, 26, 27 maggio.

La Bari Race for the Cure 2018, si correrà domenica 27 maggio, con partenza alle 9.30, mentre intorno alle 11.00 ci sarà la cerimonia di premiazione dei vincitori. Il Villaggio Race sarà attivo dalle 15.00 di venerdì 25, il sabato 26 per tutta la giornata con il Villaggio della Salute e la mattina di domenica 27.

Alla conferenza stampa hanno partecipato il sindaco di Bari Antonio Decaro, il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, la presidente del Comitato Puglia – Susan G. Komen Italia Linda Catucci, il Presidente della Susan G. Komen Italia, il Direttore Generale della Fondazione Johnson&Johnson, i rappresentanti degli Enti e le Istituzioni che sostengono l’evento e il Comitato d’onore Komen Puglia.

Dal 2000 – anno in cui Komen Italia è sbarcata in Italia con la prima edizione della Race a Roma – ad oggi, l’Associazione ha investito più di 15 milioni di euro su tutto il territorio nazionale, finanziando oltre 800 progetti per la salute delle donne. Sono state realizzate 1.400 sessioni gratuite di formazione ed educazione e sono state offerte più di 63.000 visite senologiche, esami mammografici ed ecografici e prestazioni diagnostiche a donne svantaggiate o a rischio aumentato di tumore al seno. Inoltre Komen Italia ha erogato oltre 1.600.000 euro in premi di studio a giovani medici.

Ringrazio ancora una volta la Susan G Komen Italia per aver confermato l’importante tappa barese che ormai è diventata per questa città una tradizione e un’abitudine – ha spiegato Decaro in conferenza stampa -. Proprio come l’abitudine alla prevenzione che non ci stancheremo mai di stimolare a supportare. La Race for the cure è un momento gioioso per stare insieme, per tenerci in forma e per abbracciare tutte quelle donne che stanno combattendo e che hanno bisogno di sapere che non sono sole, mai. La race for the cure è ormai una della manifestazioni più importanti in Italia, che si occupa di prevenzione e oltre ai tre giorni del villaggio e della manifestazione sportiva, grazie al lavoro dell’associazione e dei volontari riesce ad essere presente sui territorio tutto l’anno. Fortunatamente anche la città di Bari può vantare questa presenza, sono 11 i progetti che sono stati finanziati con i fondi ricavati dalla passata edizione e ringrazio ancora una volta la Susan G Komen per aver organizzato lo scorso marzo le due giornate di informazione e cura a Catino . Proprio su quell’esempio anche il Comune ha voluto festeggiare l’8 marzo in maniera speciale, grazie alla collaborazione con la GVM abbiamo portato a San Pio l’unità mobile medica per offrire alle donne del quartiere la possibilità di fare visite mediche gratuite. Questo è stato un modo per noi per ricordare l’importanza della prevenzione e della cura soprattutto in un quartiere dove ci sono tante donne che vivono una condizione di disagio. È molto importante il lavoro che la Susan G Komen e la Race fanno sulla prevenzione ma non dimentichiamo lo straordinario lavoro che loro fanno nella fase di accompagnamento delle pazienti e delle loro famiglie durante tutta la fase della malattia. Una fase assolutamente delicata e importante quanto il momento della diagnosi e della cura. Questa città ormai da qualche anno si è caratterizzata per la sua passione per il running e per le tante corse che abbiamo organizzato, che hanno richiamato a Bari migliaia di persone, ma la race for the cure è la corsa a cui sono più legato. Perché sono un soggetto a rischio, l’ho ricordato più volte, mio padre tanti anni fa si è ammalato e operato di cancro alla mammella ed è importante ricordare che anche gli uomini possono ammalarsi di questo male. Anche per questo sono sicuro che domenica saremo in tantissimi a correre domenica lungo le strade delle città, come un vero e proprio fiume rosa”.

L’amministrazione – ha detto l’assessora al Welfare Francesca Bottalico – ringrazia la Komen, che ha avuto la capacità di attivare un circolo virtuoso e vitale intorno al tema della lotta contro il tumore. Race for the cure rappresenta per i cittadini, le cittadine e le famiglie del territorio, un evento sportivo di grande rilievo, ma anche e soprattutto una festa e un momento sociale, culturale, educativo molto importante e atteso, come è dimostrato dai numerosi momenti di preparazione alla gara già svolti nei giorni scorsi all’interno di alcune periferie della città come San Pio e, in occasione del Villaggio della Prevenzione, abbiamo coinvolto più di 90 donne provenienti da diversi quartieri, alcune delle quali non avevano mai effettuato un controllo senologico. Ed è significativo che molte donne che l’anno scorso hanno effettuato i controlli quest’anno accompagneranno alla gara le proprie figlie. Credo che questa sia un’occasione, un’opportunità privilegiata nell’obiettivo di investire sempre più sulla sensibilizzazione dei cittadini, sulla ricerca e sulla prevenzione di malattie così gravi, per assicurare alla comunità un livello più elevato di benessere”.

Lo sport – ha osservato l’assessore al ramo, Pietro Petruzzelli – rappresenta la seconda gamba sulla quale si appoggia la Komen, accanto a quella della solidarietà. Non sarà certo un caso se gli sportivi rappresentano la parte più sana della società, e per questo motivo l’amministrazione da sempre si appella a loro affinché svolgano un ruolo attivo nella prevenzione delle malattie, nella solidarietà, nella raccolta fondi. Ma la cosa bella di Race for the cure è che non coinvolge solo gli sportivi legati alla corsa podistica: la Komen offre infatti la possibilità, sia per le ‘donne in rosa’ che per gli altri cittadini, di praticare in questo fine settimana altre discipline all’interno del Villaggio: penso al riscaldamento pre-gara, alle attività di fitness, alla canoa e gli altri sport nautici che culmineranno nella pagaiata del sabato e nella veleggiata e nel la corsa di canottaggio previste la domenica”.

A margine della conferenza il sindaco Decaro e la presidente Catucci hanno siglato un protocollo d’intesa tra il comune e la S. G. Komen per la realizzazione dell’evento negli anni 2018,2019 e 2020 sancendo l’intenzione di collaborare in maniera strutturale all’organizzazione dell’evento attraverso una serie di azioni reciproche.

Il Comune di Bari intende realizzare a Bari il Progetto “Race for the Cure – di corsa contro i tumori del seno” per la promozione della “cultura dello sport”, della prevenzione e della promozione della salute, collaborando a titolo gratuito con la Susan G. Komen Italia Onlus, CR Puglia, la quale si farà carico, a proprie spese, di organizzare tutte le attività previste dal progetto e concordate con l’Amministrazione Comunale.

Il Comune di Bari , dal canto suo, in applicazione all’art. 49, comma 1, lett. a), del D.Lgs 507/1993, si impegna a destinare apposita area pubblica e provvedere al rilascio di eventuali autorizzazioni alla “Susan G. Komen Italia” Comitato Regionale Puglia, per l’allestimento del “Villaggio della Salute”, che comprende laboratori aperti al pubblico, dedicati ad aspetti fondamentali per la tutela della salute come, ad esempio, l’attività sportiva, il benessere psicofisico, la corretta alimentazione e la cultura della prevenzione, attraverso attitudini comportamentali finalizzati a diminuire il rischio di una malattia o a ritardarne l’insorgenza; gli allestimenti necessari alla “Race for the Cure” quale evento sportivo, che prevede una corsa di solidarietà della lunghezza di 5 km (con passeggiata di 2 km), per esprimere solidarietà alle donne che si confrontano con il tumore e l’allestimento del palco. Inoltre, si incarica di individuare, attraverso le proprie strutture competenti, almeno 120 donne non abbienti, i cui nominativi saranno forniti alla “Susan G. Komen Italia” per offrire loro, a titolo gratuito, esami clinico–strumentali, da effettuarsi nel “Villaggio della Salute”, in strutture mobili con personale medico ed infermieristico qualificato. Infine, garantisce che l’iniziativa si potrà svolgere con il Patrocinio gratuito dell’Amministrazione Comunale – Assessorato allo Sport.

La “Susan G. Komen Italia” Onlus , CR Puglia si impegna a stipulare appositi accordi con Società sportive riconosciute dal CONI e Centri Sanitari di alta specializzazione e ad attuare l’iniziativa allestendo a titolo gratuito, nei giorni dedicati alla Race, l’area pubblica individuata dall’Amministrazione Comunale dove si svolgerà “Villaggio della Salute”. All’interno del Villaggio l’associazione si impegna ad effettuare negli appositi spazi, a titolo gratuito, esami clinico – strumentali in strutture mobili con personale medico – infermieristico specializzato e a cura e spese proprie a svolgere corsi di aggiornamento per operatori sanitari coinvolti in ambito senologico, programmi di educazione alla prevenzione, servizi clinici per il recupero del benessere psico-fisico delle donne operate e l’ allestimento di laboratori aperti al pubblico.